Persistono le differenze tra Nord e Sud Italia per ciò che riguarda il mercato immobiliare attuale: infatti secondo l’ultimo Osservatorio curato da Immobiliare.it, la fotografia che emerge della nostra Penisola sembra essere ancora piuttosto eterogenea.
Se nel Settentrione il settore risulta piuttosto stabile negli ultimi sei mesi, la situazione al Sud è invece più negativa, con numerose città con più di 100.000 abitanti che evidenziano un calo significativo dei prezzi del mattone.

Genova: l’eccezione del Nord

In testa a questa poco lusinghiera classifica c’è Reggio Calabria dove negli ultimi sei mesi il prezzo delle case è diminuito del 6%, raggiungendo i 942 euro al metro quadro. Seguono a ruota Terni e Ancona dove il decremento è stato pari al 4%. L’unica grande città del Nord dove si è registrato un calo significativo dei prezzi risulta essere Genova: nel capoluogo ligure, infatti, il costo medio al metro quadro si è attestato sui 1.691 euro e la contrazione negli ultimi sei mesi è stata del 4%. Acquistare un trilocale a Genova di circa 80 metri quadri oggi costa in media 135.000 euro, contro i 75.400 euro del capoluogo calabrese.
Altra città che mette in luce una riduzione elevata del costo delle abitazioni è Cagliari, che ha registrato su questo fronte un calo del 2% nell’ultimo semestre: qui per portare a termine l’acquisto di una casa di 80 metri quadrati l’investimento medio è di 162.000 euro.
Tra le dieci città con il calo maggiore dei prezzi degli immobili troviamo poi Catania, Taranto, Foggia, Messina e Latina a conferma del periodo decisamente poco felice del mercato nel centro-sud.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Veneto: un mercato immobiliare da record

prev
Articolo Successivo

Case a prova di ladro: investire in sicurezza conviene

next