È stato sgomberato l’immobile occupato dal collettivo antagonista Lambretta a Milano. Lo sgombero, coordinato dal questore del capoluogo lombardo, Marcello Cardona, è stato programmato per dare esecuzione al decreto di sequestro preventivo emesso dall’autorità giudiziaria di Milano del complesso immobiliare di via Val Bogna, occupato dal 10 febbraio 2017. Il servizio è stato disposto dal questore anche per tutelare l’ordine e la sicurezza pubblica e per “porre fine a una situazione di illegalità, non unicamente riferita all’occupazione dell’area”. I residenti del quartiere – spiega la Questura – hanno infatti sollecitato ripetutamente l’intervento, anche attraverso gli amministratori locali per situazioni di criticità più volte segnalate.

Quella per sgomberare l’immobile occupato, ha spiegato la vicesindaco e assessore alla Sicurezza del Comune di Milano, Anna Scavuzzo, “è stata un’azione congiunta e coordinata che dà risposta alle innumerevoli richieste da parte dei cittadini del quartiere, esasperati per il rumore e la confusione provocata dalle feste e dai ritrovi notturni in strada. La proprietà, legittimamente, chiedeva di tornare in possesso dell’immobile e così è stato, anche per permettere l’avvio al più presto dei lavori di ristrutturazione dello stabile – ha aggiunto – che tornerà a nuova vita a breve”. La vicesindaco ha infine ringraziato “donne e uomini di forze dell’ordine e polizia locale che questa mattina sono intervenuti con professionalità ed efficacia per restituire ai legittimi proprietari l’immobile occupato lo scorso anno dai ragazzi del Centro Sociale Lambretta”

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Marocchino ucciso ad Aprilia, in un video le immagini dell’incidente e dei tre accusati

prev
Articolo Successivo

Reggio Calabria, manca il gesso in ospedale: fratture medicate col cartone. Sindacati: “Neanche nel terzo mondo”

next