Ora è ufficiale: il Tribunale di Como ha dichiarato fallito il casinò di Campione d’Italia. Nominati anche tre curatori fallimentari che avranno il compito di seguire la gestione della casa da gioco. La decisione arriva dopo che  il commissario ad acta Angela Pagano ha bocciato il piano di risanamento presentato dal Comune e dal casinò. Qualche giorno fa l’amministratore unico Marco Ambrosini aveva chiesto al tribunale una proroga della decisione fino a settembre, ma non è stata accolta dai giudici che hanno emesso la sentenza.

L’inchiesta giudiziaria era nata da un esposto presentato dal sindaco di Campione Roberto Salmoiraghi (Fi), quando era ancora all’opposizione. Di fatto, il casinò non versava da anni i soldi che doveva al Comune, socio unico, provocando lentamente il dissesto finanziario dell’ente pubblico. Il debito accumulato nel tempo era di circa 30 milioni di franchi svizzeri (circa 25 milioni di euro).

Dalle indagini della Guardia di finanza era emerso che i debiti non erano solo verso il Comune, ma anche verso le banche. Già nel 2013 i cittadini avevano costituito un comitato “In Gioco” che puntava “a rendere consapevoli i residenti dei costi e dei rischi legati alle carenze di gestione del casinò e all’inerzia dell’amministrazione”: iniziavano a sentirsi chiaramente i segnali della crisi. La sindaca del tempo, Maria Laura Piccaluga, aveva ammesso le difficoltà, attribuendole ad una crisi del gioco d’azzardo in generale e non ad un caso specifico di cattiva gestione.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Caso Montante, nuova contestazione a Renato Schifani. Pm: “Concorso in associazione a delinquere”

prev
Articolo Successivo

Claudio Abbado, dopo 40 anni la Cassazione pone fine al contenzioso con il Fisco e dà ragione al maestro

next