AAA assaggiatori di Nutella cercansi. Il lavoro dei sogni di ogni bambino (e non) è diventato realtà. Una “importante azienda alimentare” con sede ad Alba, in provincia di Cuneo, sta cercando “90 giudici sensoriali, assaggiatori/assaggiatrici di semilavorati dolciari“. L’annuncio – presente sul web in più versioni e che indica come luogo di lavoro la zona della sede della Ferrero, azienda produttrice della famosa crema spalmabile – è comparso sul sito dell’agenzia di lavoro “Open Job Metis” sembra proprio fare riferimento alla Nutella. L’offerta è rivolta a “persone a cui piacerebbe imparare a gustare cacao, granella di nocciole e altri prodotti semilavorati dolci”.

Esperienza richiesta? Nessuna. Solo l'”abitudine all’utilizzo del computer e assenza di allergie legate a prodotti di questo genere o di patologie abitudini che possano influenzare le capacità sensoriali coinvolte (gusto, olfatto e la vista nella distinzione dei colori)” si legge nell’annuncio dell’agenzia per il lavoro. E anche l’impegno di tempo non sembra oneroso, “è richiesta disponibilità part time, due giorni alla settimana, due ore per giorno (mattina o pomeriggio)”. Insomma, c’è solo da

Non solo. “Si offre un corso di formazione che avrà l’obiettivo di educare il senso dell’olfatto e del gusto e a migliorare la capacità di esprimere a parole ciò che si percepirà con gli assaggi dei prodotti semilavorati e contratto di somministrazione duraturo nel tempo” con data di inizio al 30 settembre. L’annuncio pubblicato dalla Openjobmetis riporta il nome della Soremartec Italia srl, la società di ricerca e sviluppo della Ferrero.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Decreto dignità, non leggi sul lavoro. Quello che serve all’Italia è una crescita

prev
Articolo Successivo

Scioperi Ryanair, quei voli low cost hanno trasformato lo sgarbo in politica aziendale

next