AAA assaggiatori di Nutella cercansi. Il lavoro dei sogni di ogni bambino (e non) è diventato realtà. Una “importante azienda alimentare” con sede ad Alba, in provincia di Cuneo, sta cercando “90 giudici sensoriali, assaggiatori/assaggiatrici di semilavorati dolciari“. L’annuncio – presente sul web in più versioni e che indica come luogo di lavoro la zona della sede della Ferrero, azienda produttrice della famosa crema spalmabile – è comparso sul sito dell’agenzia di lavoro “Open Job Metis” sembra proprio fare riferimento alla Nutella. L’offerta è rivolta a “persone a cui piacerebbe imparare a gustare cacao, granella di nocciole e altri prodotti semilavorati dolci”.

Esperienza richiesta? Nessuna. Solo l'”abitudine all’utilizzo del computer e assenza di allergie legate a prodotti di questo genere o di patologie abitudini che possano influenzare le capacità sensoriali coinvolte (gusto, olfatto e la vista nella distinzione dei colori)” si legge nell’annuncio dell’agenzia per il lavoro. E anche l’impegno di tempo non sembra oneroso, “è richiesta disponibilità part time, due giorni alla settimana, due ore per giorno (mattina o pomeriggio)”. Insomma, c’è solo da

Non solo. “Si offre un corso di formazione che avrà l’obiettivo di educare il senso dell’olfatto e del gusto e a migliorare la capacità di esprimere a parole ciò che si percepirà con gli assaggi dei prodotti semilavorati e contratto di somministrazione duraturo nel tempo” con data di inizio al 30 settembre. L’annuncio pubblicato dalla Openjobmetis riporta il nome della Soremartec Italia srl, la società di ricerca e sviluppo della Ferrero.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Decreto dignità, non leggi sul lavoro. Quello che serve all’Italia è una crescita

next
Articolo Successivo

Scioperi Ryanair, quei voli low cost hanno trasformato lo sgarbo in politica aziendale

next