Due morti e 17 casi di contagio accertati. Si aggrava l’emergenza legionella a Bresso, nel Milanese. All’uomo morto lunedì, si è aggiunta una donna deceduta martedì. Entrambi gli anziani avevano 94 anni. Sono deceduti per le complicanze sopraggiunte dopo aver contratto il batterio, che secondo i dati della Regione Lombardia ha già colpito 17 persone.

A confermare la situazione, definendola “complicata” e “critica”, è l’assessore regionale al Welfare Giulio Gallera che ha spiegato che è stata attivata una task-force.  “Oggi c’è una situazione critica, un’epidemia di legionella, 17 persone colpite e due morti”, ha detto Gallera a margine del tavolo sulla sicurezza negli ospedali al Pirelli. “Abbiamo avviato da subito una task force”, ha sottolineato l’assessore, ricordando alcune importanti precauzioni per evitare il contagio.

La Regione consiglia di pulire i filtri dei rubinetti, lasciare scorrere l’acqua e aprire le finestre quando si fa una doccia calda e pulire molto bene i bacini d’acqua stagnante, perché la legionella non si trasmette bevendo l’acqua o con il contatto personale, ma per inalazione.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Migranti, 56 arrivano in spiaggia a Isola Capo Rizzuto: soccorsi da turisti e bagnini

prev
Articolo Successivo

25 luglio, 75 anni dopo la caduta di Mussolini è ancora “pastasciutta antifascista” in più di cento città

next