L’Italia resta “vulnerabile” e le sue “incertezze politiche” hanno “indebolito” l’euro. Lo afferma il Fondo Monetario Internazionale nell’External sector report, che indaga sugli squilibri macroeconomici delle economie internazionali. In alcuni paesi tra i quali l’Italia, si legge, l’accesso al credito “inferiore a quanto auspicabile e investimenti deboli hanno spinto verso l’alto i saldi delle partite correnti, mascherando problemi di competitività“.

Il nostro Paese, prosegue il documento, “resta vulnerabile alla volatilità del mercato“. Questa debolezza “è legata alle grandi esigenze di rifinanziamento del debito sovrano e bancario e alle condizioni di credito potenzialmente restrittive, dovute allo stock ancora elevato di Npl (“non performing loans“, cioè prestiti deteriorati”, ndr) nel settore bancario”. Per questo il nostro Paese deve proseguire lungo la strada del risanamento dei conti e della riduzione delle sofferenze bancarie per migliorare la propria competitività.

Un passo in avanti in questo senso “aiuterebbe a rafforzare la crescita”, afferma il Fmi, invitando alla “forte attuazione delle riforme strutturali, inclusa la contrattazione nazionale per allineare i salari con la produttività. Rafforzare i bilanci delle banche sarà cruciale per migliorare la competività, aumentare il potenziale di crescita e ridurre le debolezze. Progressi nel consolidamento di bilancio saranno utili per ridurre le debolezze esterne e mantenere la fiducia degli investitori”.

“La posizione esterna dell’Italia nel 2017 è ampiamente in linea con i fondamentali e politiche desiderabili – precisa il Fmi – tuttavia migliorare la competitività aiuterebbe a rafforzare la crescita, in coerenza con la riduzione dell’alta disoccupazione e del debito pubblico salvaguardando i bilanci esterni”. In generale nella zona euro, prosegue l’Fmi, “sono necessarie politiche che rafforzino l’integrazione bancaria, fiscale, del mercato del lavoro e regolamentare per rafforzare gli investimenti nell’area dell’euro e ridurre gli squilibri esterni”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Migranti, la proposta della Ue sui centri controllati: “6mila euro per ogni persona”. Salvini: “No all’elemosina”

next
Articolo Successivo

Brexit, May: ‘Guiderò io negoziati con Ue’ E il governo in cerca di consensi aumenta lo stipendio agli statali

next