“Le notizie in merito alla volontà del governo austriaco di procedere sulla strada del doppio passaporto per i cittadini sudtirolesi destano inquietudine. Se fosse confermato quanto riportato dai media saremmo di fronte ad un atto inopportuno e ostile che intendiamo respingere con fermezza”. Lo dichiara il ministro per i Rapporti con il Parlamento Riccardo Fraccaro. Il ministro ha detto di essere in contatto con il ministro degli Esteri Enzo Moavero Milanesi, che l’ha definito un atto “prima che ostile, francamente curioso sull’opportunità del quale ci interroghiamo”. A margine della conferenza stampa con il suo corrispettivo tedesco Heiko Maas a Berlino, Moavero ha detto che “la concessione della cittadinanza di uno Stato ai cittadini di un altro Stato che già condividono la cittadinanza europea ci sembra un gran bisticcio di cittadinanza e di parole”.

Il doppio passaporto per i sudtirolesi riaccende dunque la miccia tra Vienna e Roma. Il governo italiano già domenica sera ha chiesto chiarimenti alle autorità austriache dopo la notizia circolata sui media di un progetto di legge pronto a breve per concedere la cittadinanza ai cittadini dell’Alto Adige. E la Farnesina ha avvertito che, qualora la notizia fosse vera, si tratterrebbe di un’azione “ostile”. “Vienna – aggiunge ancora Fraccaro – rinunci ad ogni velleità, già espressa in passato, su un tema così importante evitando ulteriori strumentalizzazioni politiche ed elettorali”.

Ma l’Austria non sembra voler cedere il passo, anzi, rilancia dichiarando all’agenzia di stampa austriaca Apa che i requisiti legali per la concessione della cittadinanza austriaca ai sudtirolesi “ci saranno al più presto nel 2019/2020“. L’accelerazione del dossier Oltralpe era stata rivelata dal quotidiano Tiroler Tageszeitung, secondo cui la bozza del disegno di legge dovrebbe essere definita già il 7 settembre da un gruppi di lavoro di tecnici, che si sono riuniti più volte nelle scorse settimane a Vienna. La bozza parla di “tutti i cittadini italiani residenti in Alto Adige di madrelingua tedesca e ladina”, aveva spiegato il quotidiano, precisando comunque che il governo austriaco vuole agire solo d’intesa con Roma.

La Suedtiroler Volkspartei avrebbe preferito che la questione del doppio passaporto restasse ferma fin dopo le elezioni provinciali il 21 ottobre, per evitare strumentalizzazioni, ma il governo del premier Sebastian Kurz sembra voler procedere spedito. Sul fronte italiano, l’esecutivo Gentiloni in più occasioni si era detto perplesso, ma adesso a Vienna sperano soprattutto nella Lega come interlocutore.

Da Roma arriva un messaggio netto: se le notizie apparse su media risultassero confermate, il governo italiano la considera “un’iniziativa inopportuna e sostanzialmente ostile, tenuto conto in particolare del ruolo di presidenza semestrale dell’Unione Europea attualmente ricoperto dall’Austria”, ha avvertito la Farnesina con una nota ufficiale. Annunciando inoltre che il ministro degli Esteri Enzo Moavero ha dato incarico all’ambasciatore italiano a Vienna, Sergio Barbanti, di chiedere chiarimenti sulla vicenda alle autorità austriache. E allo stesso tempo, i medesimi chiarimenti verranno richiesti all’ambasciata austriaca a Roma.

Sulla questione è stata durissima anche Giorgia Meloni, presidente dei Fratelli d’Italia, accusando Vienna di preparare la “secessione dell’Alto Adige” e avvertendo che “Fratelli d’Italia è pronta alle barricate per difendere l’Italianità di quelle terre”. Il governatore altoatesino Arno Kompatscher ha enfatizzato soprattutto la volontà di Vienna di trovare un accordo con Roma sul tema, e che comunque tutto debba avvenire “con spirito europeo”.

Scettica la parlamentare di Forza Italia Micaela Biancofiore che chiede a Fraccaro “se la sue siano dichiarazioni da Trentino di adozione in vista anche delle elezioni regionali dell’ottobre prossimo o se la sua corretta posizione sia condivisa dall’intero governo”. “Se Kurz non verrà fermato – promette – organizzerò una manifestazione al confine del Brennero invitando tutti gli italiani, dal Brennero a Lampedusa, alla difesa dei confini italiani costati migliaia di vite”.