“Quello che sta emergendo con la sentenza sulla Trattativa Stato-mafia, imporrebbe di costituire un pool nazionale, presso la Procura nazionale antimafia, di sostituti procuratori, col fine di mettere insieme tutte le tessere del mosaico”. Sono le parole di Roberto Scarpinato, procurato generale della Corte d’Appello di Palermo, nel corso della presentazione del libro La Repubblica delle stragi. Sul palco, con lui, oltre a Giovanni Spinosa, Fabio Repici, Giuseppe Lo Bianco e Marco Lillo nel ruolo di moderatore, anche il fratello di Paolo Borsellino, Salvatore. “A me non basta sapere che c’è stato un depistaggio. Voglio sapere se i magistrati agirono con dolo o per incompetenza” ha detto, “bisogna aprire un’inchiesta”.
Il libro è stato presentato nel giorno dell’anniversario della morte di Paolo Borsellino, il 19 luglio, lo stesso giorno in cui sono state depositate le motivazioni della sentenza sulla Trattativa.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Migranti, la relazione della Dia: “Gli ex contrabbandieri brindisini riconvertiti all’immigrazione clandestina dalla Grecia”

prev
Articolo Successivo

Via D’Amelio, Scarpinato: “Quasi tutte le indagini sulle stragi italiane sono state depistate da apparati deviati dello Stato”

next