In visita al centro Caritas di Santa Giacinta a Roma, dove, tra l’altro, vengono accolte le persone che soffrono di ludopatia, il ministro del Lavoro e dello Sviluppo economico, Luigi Di Maio, ha rivendicato: “Nel decreto dignità abbiamo stoppato le pubblicità al gioco d’azzardo, che è una piaga sociale, ma anche culturale ed economica. Anche mio nonno giocava al Lotto, ma non c’era questa serialità, non c’era il Lotto ogni 10 minuti”. Eppure, così come scritto nella relazione tecnica dello stesso decreto dignità, il divieto totale di pubblicità rischia di favorire paradossalmente il gioco d’azzardo illegale, in quanto si mette in guardia come le pubblicità siano “l’unico modo per gli operatori legali di farsi conoscere“. Una ricostruzione che Di Maio però smentisce: “A questa domanda – se si rischia di favorire il gioco illegale, ndr – la Caritas mi ha risposto: ‘Ma di cosa parliamo. A Ostia hanno sequestrato sale slot agli Spada’. Ormai le organizzazioni criminali sono entrate nel gioco legale”, ha replicato Di Maio. Prima di andare via, non ha voluto commentare il caso nomine, saltate sulla Cassa depositi e prestiti, né le tensioni con il ministro dell’Economia Giovanni Tria.
close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Vitalizi, Fico: “Atto di coerenza e di coraggio, non è vendetta. Ricorsi? Non li temo, mi assumo responsabilità”

prev
Articolo Successivo

Migranti, il problema è il nostro sistema. Ma prendersela con i deboli è più facile

next