C’è Marianna Madia alla Comunicazione. E poi Tommaso Nannicini, Teresa Bellanova e Matteo Ricci. Il segretario del Pd Maurizio Martina ha incluso un buon numero di renziani nella nuova segreteria nazionale. La squadra sarà coordinata da Matteo Mauri, deputato dell’area che fa capo a Martina, e composta da Pietro Barbieri, già portavoce del Forum Terzo Settore (Welfare e Terzo Settore), Teresa Bellanova (Mezzogiorno), Gianni Cuperlo (Partecipazione, Riforme alleanze), Francesco Boccia (Imprese) Gianni Dal Moro, (Organizzazione), Stella Bianchi (Agenda 2030 e sostenibilità), Chiara Gribaudo (Lavoro-Professioni), Marianna Madia (Comunica (Comunicazione), Andrea Martella (Infrastrutture-Trasporti), Nannicini (Progetto Partito e Forum Nazionale), Lia Quartapelle (Esteri e Cooperazione), Matteo Ricci (Enti locali e Autonomie), Marina Sereni (Diritto alla Salute), Mila Spicola (contrasto povertà educativa).

Partecipano per funzione poi i capigruppo di Camera e Senato Graziano Delrio e Andrea Marcucci, il presidente dell’Assemblea Matteo Orfini, il referente dei segretari regionali Alessandro Alfieri. Piero Fassino continuerà a rappresentare il Pd nella presidenza del Pse e a curare i rapporti con il gruppo europarlamentare e le organizzazioni della famiglia socialista. Nei prossimi giorni verranno resi noti anche i nomi dei nuovi responsabili tematici e dei dipartimenti nazionali.

“Sono contento della nuova segreteria nazionale perché è una bella squadra plurale, unitaria e aperta al servizio del Pd. Sono grato a Pietro Barbieri in particolare per aver accettato questo impegno. Ora al lavoro tutti insieme nei territori per l’alternativa popolare a questo governo pericoloso per il paese”, commenta Martina su facebook.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Tribunale Bari, parla l’imprenditore contestato: “Nessun rapporto con i clan. Vicenda già nota, ora strumentalizzata”

prev
Articolo Successivo

Pd, Emiliano “toglie” Boccia dalla nuova segreteria di Martina: “Noi fuori”. Calenda: “Harakiri”. I renziani attaccano

next