Espressioni come “dovete andare via“, che denotano disprezzo verso gli stranieri, anche se “generiche” e senza riferimento esplicito alla razza, ma pronunciate “per manifestare pubblicamente e diffondere odio” possono comportare l’aggravante della “finalità di discriminazione razziale”. La Cassazione l’ha infatti confermata, con il relativo aumento di pena, nel condannare in via definitiva un 45enne di Gallarate, che nel 2010, insieme ad un altro soggetto, anch’egli condannato in appello e non ricorrente, ha provocato lesioni ai danni di due bengalesi, che assieme ad alcuni connazionali si erano ritrovati fuori a un circolo.

La quinta sezione penale della Cassazione sottolinea che per applicare l’aggravante dell’odio razziale è “irrilevante l’esplicita manifestazione di superiorità razziale”: l’aggravante riguarda anche chi usa espressioni generiche di disprezzo verso gli stranieri, come nel caso dell’imputato, che secondo testimoni aveva detto: “Che venite a fare qua… Dovete andare via“.

L’uomo chiedeva una riduzione della pena, sostenendo che le affermazioni a lui attribuite fossero generiche e privi di riferimenti a una presunta superiorità della razza. Ma – ricorda la Cassazione – l’aggravante della finalità di discriminazione o di odio etnico, nazionale, razziale o religioso “non ricorre solo quando l’espressione riconduca alla manifestazione di un pregiudizio nel senso dell’inferiorità di una determinata razza” ma anche quando la condotta, per come si manifesta e per il contesto, “risulta intenzionalmente diretta a rendere percepibile all’esterno e a suscitare in altri analogo sentimento di odio etnico” e a dar luogo, nell’immediato o in futuro “al concreto pericolo di comportamenti discriminatori“.

Frasi come ‘andate via!”, osserva la Corte, sono “chiaramente espressive della volontà che le persone offese e gli altri cittadini extracomunitari presenti ai fatti lasciassero il territorio italiano a cagione della loro identità razziale”. Anche il fatto che i due si fossero ritrovati intenzionalmente in un circolo frequentato da stranieri è stata considerato, assieme alla frasi pronunciate, indicativo della volontà di “diffondere odio verso la presenza nel Paese di soggetti appartenenti ad altra etnia e a porre in essere il pericolo di analoghi ed ulteriori comportamenti discriminatori”.

Il ministro dell’Interno Matteo Salvini, in modo provocatorio, ha reagito alla sentenza twittando per tre volte: “Andate via!” con un emoticon.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

“Dopo la diagnosi di Hiv, volevo morire il prima possibile”. Storie di un contagio (che continua) e di chi riesce a uscirne

prev
Articolo Successivo

Migranti, l’unica certezza è che senza le ong aumentano i morti

next