“Mi sono perso il ministro, vedo”. Appena Francesco Paolo Sisto, deputato di Forza Italia, prende la parola, viene informato che il ministro il Guardasigilli, Alfonso Bonafede, è appena andato via. “Va bene, perché il governo è presente nella sua impersonalità, mi immaginerò l’ologramma del ministro” ha continuato Sisto. Che, poi, ha attaccato Bonafede: “È un simulacro di ministro della Giustizia. Eravamo abituati ad altri ministri”. Proteste dall’Aula. “Certo, ad altri ministri, Moro, De Pietro, Vassalli”. Cioè Aldo Moro, presidente della Dc e più volte presidente del Consiglio, Michele De Pietro, senatore Dc e vicepresidente del Csm e, infine, Giuliano Vassalli, partigiano, giurista (è suo il “Codice Vassalli” che ha riformato la procedura penale) e presidente della Corte costituzionale.

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Successivo

Vitalizi, Di Nicola (M5s): “Dopo 20 anni di battaglie a Espresso e Fatto Quotidiano, cancellato vergognoso privilegio”

next