“Accordi con i libici, blocco navale, porti chiusi: le parole d’ordine di oggi non sono nuove. Si rifanno a quello che l’Italia ha già fatto poco meno di dieci anni fa, attuando i respingimenti in mare e attirandosi le condanna della Corte europea dei diritti umani di Strasburgo. Mare Chiuso raccontò quella pagina storica grazie alle testimonianze dei migranti respinti dalle operazioni di allora. Lo vogliamo riproporre per dare idealmente voce a quanti vengono respinti in queste ore. Perché queste violenze e queste morti continueranno a ripetersi finché non si apriranno altre vie, legali e sicure, di migrazione”.

di Stefano Liberti e Andrea Segre 

Il documentario Mare Chiuso è visibile in streaming gratuito sulla piattaforma ZaLab a questo il link per una settimana 

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Yemen, Amnesty International denuncia: “Sparizioni e torture da parte di forze di sicurezza riferibili agli Emirati Uniti”

next
Articolo Successivo

Usa, arrestata la pornostar Stormy Daniels. L’avvocato su Twitter “Combatteremo le false accuse”

next