Accompagna le nostre “avventure” stradali ormai da 120 anni, il sempre sorridente pupazzo francese di gomma. Era infatti il 1894 quando Édouard Michelin, vedendo una serie di pneumatici impilati, esclamò: “con un paio di braccia in più sembrerebbe un omino!”. Intuizione quanto mai felice, visto che quattro anni dopo l’artista Marius Rossillon (il cui nome d’arte era O’Galop) diede vita a quell’idea in un manifesto intitolato “Nunc Est Bibendum” (adesso si deve bere), in cui citando un’ode di Orazio intendeva dire che i pneumatici Michelin erano in grado di “bersi” qualunque ostacolo. Quella pubblicità, insieme alle successive, ebbe talmente successo che dalla carta il personaggio pian piano si snellì e si umanizzo’, prendendo letteralmente vita come un vero e proprio testimonial in 3D dopo aver ricevuto il massimo riconoscimento nel 2000, quando fu dichiarato miglior logo di tutti i tempi da una giuria di esperti del Financial Times.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Lamborghini apre uno showroom nel centro di Roma

prev
Articolo Successivo

Renault e PSG, tre anni insieme per business

next