“Non amo dire ‘ve l’avevo detto’. Mi basta che si sappia che sono più arrabbiato che stupito di quello che sta succedendo”. Sono le parole del deputato di Liberi e Uguali, Pier Luigi Bersani, ospite di Omnibus (La7). “Il punto che abbiamo di fronte come centrosinistra” – spiega – “è questo: la saldatura tra un disagio sociale conclamato e il tema dell’immigrazione. I due fenomeni si sono agganciati. Perché non sono rimasto a combattere all’interno del Pd? Perché non c’era possibilità di discutere. Ora apprendo che Martina vuole aprire un dialogo con me. Ma, figuriamoci, quanti anni sono che io parlo con Martina? E’ importante che si riapra il concetto di dibattito. Ma il problema non è convincere me a un dialogo. Io do un giudizio tecnico”. E aggiunge: “Tu devi rivolgerti alle milionate di persone che non hanno votato centrosinistra e chiederti: son tutti scemi o abbiamo sbagliato qualcosa? E se è stato sbagliato qualcosa, che cosa precisamente? Solo così si può ripartire. E la discussione deve riguardare tutti quanti, centrosinistra, sinistra, quella ambientalista, quella radicale, quella moderata, quella cattolica, quella laica, eccetera. Però questo, che è necessario, presuppone l’elaborazione del lutto, come avviene dopo le sconfitte. E invece” – continua – “sto assistendo in queste settimane di prima opposizione a un centrosinistra che sta sempre in cattedra a spiegare agli ignoranti qual è la cosa giusta e a rivendicare punto per punto tutto quello che si è fatto e che gli italiani hanno smentito, noi questa destra qui ce la teniamo per un bel po’. Ve lo dico io. Aspettare che falliscano è demenziale. Possono anche fallire, ma se falliscono, senza che ci sia un’alternativa positiva, si crea un vuoto d’aria. I vuoti d’aria vengono riempiti dal vento che tira. E nel mondo tira quel vento lì. Possiamo trovarci anche peggio se non ci diamo una mossa”. L’ex segretario del Pd puntualizza: “Passi indietro? Sì. Ma cosa vuol dire ‘passi indietro’? Significa realizzare che è successo qualcosa, perbacco. Chi è stato nella fase precedente, che sia vecchio o giovane, deve mettere a disposizione i suoi ruoli. Poi aiuterà a spingere il carro, ma non a tirarlo. Ci vuole qualcosa di nuovo. Esistono anche i passi in avanti. Qui esiste un mondo di centrosinistra nella cultura, nella università, nelle professioni che è troppo opportunista e nicodemista. Va a cercare Gesù di notte. E’ ora di dire: ragazzi, adesso qui organizziamo qualcosa. Perché quello che oggi è dentro la politica di centrosinistra non basta”

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

C'era una volta la Sinistra

di Antonio Padellaro e Silvia Truzzi 12€ Acquista
Articolo Precedente

Erri De Luca: “Irridono alla morte dei migranti e sono padri di famiglia. Anche Erode lo era. Minniti? Peggio di Salvini”

next
Articolo Successivo

Migranti, Revelli: “Italia sta mostrando una cattiveria neppure vista nei tempi più oscuri. Ostenta disumanità”

next