Per protestare contro Donald Trump, una donna ha tentato di ‘scalare’ la Statua della Libertà nel giorno in cui negli Stati Uniti si festeggiava la festa dell’Indipendenza. Agli agenti intervenuti, la donna ha detto che non sarebbe scesa “fino alla liberazione di tutti i bambini”, riferendosi ai figli dei migranti che sono stati tolti ai genitori e chiusi in centri di detenzione. Dopo tre ore di negoziati, la donna è scesa ed è stata arrestata dalla polizia che intanto aveva fatto allontanare tutti i turisti dall’area.

A Liberty Island sono state arrestate poi altre sei persone, tutte appartenenti allo stesso gruppo, Rise and Resist (Alazatevi e resistete), in cui milita la donna, che hanno steso, sempre sotto la statua simbolo di New York e dei ‘valori americani’, uno striscione con la scritta ‘abolish Ice’, aboliamo l’Ice, il corpo degli agenti dell’immigrazione diventato il temuto braccio armato della politica anti-immigrati dell’amministrazione Trump.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Messico, cosa insegna la vittoria di Obrador all’America latina. E all’Italia

next
Articolo Successivo

“Trump voleva invadere il Venezuela”, la rivelazione di un funzionario Usa alla Cnn

next