“La reintroduzione dalla causale è un ostacolo. Si torna indietro di 15 anni. E il rischio è che si blocchino le assunzioni”. I consulenti del lavoro sono, sostanzialmente, tutti d’accordo: sulle novità in tema di lavoro che dovrebbero entrare nel cosiddetto “decreto dignità” voluto dal governo M5s-Lega, in particolare sull’inserimento della causale per i contratti a tempo determinato a partire dal primo rinnovo e sul tetto alla somministrazione, che non potrà superare il 20% del totale degli occupati a tempo indeterminato e che verrà conteggiata insieme ai determinati, c’è una netta bocciatura. “Fissare dei paletti blocca le assunzioni a tempo determinato, necessarie per le aziende, e che risultano essere il primo step per un contratto più stabile” dicono al Festival del Lavoro organizzato dal Consiglio nazionale dei consulenti del lavoro a Milano. “C’è il rischio che si limiti la possibilità di assumere i giovani”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Roma, il renziano Nobili: “Con Marino sbagliammo”. Gli ex consiglieri dem: “Si scusi con la città”. Orfini: “Fu scelta mia”

prev
Articolo Successivo

Zingaretti interrotto e contestato sul palco. Lui: “Mi hai votato? La prossima volta vota a destra”

next