Avevano fabbricato false prove contro un extracomunitario ventilando l’ipotesi di un suo coinvolgimento in attività terroristiche. Il tutto per arrestarlo e ricevere così un encomio.

Con questa accusa, tre carabinieri in servizio alla compagnia di Giugliano, nel Napoletano, sono stati arrestati su ordine del gip del Tribunale di Napoli nord. Le accuse sono di falso ideologico, calunnia, detenzione e porto illegale di armi clandestine.

Secondo quanto accertato dai finanzieri di Aversa coordinati dal procuratore di Napoli Nord Francesco Greco e l’aggiunto Domenico Airoma, i carabinieri, già sospesi dall’Arma e ora reclusi nel carcere di Santa Maria Capua Vetere, hanno accusato l’extracomunitario di custodire illegalmente armi clandestine.

Durante l’inchiesta, investigatori e inquirenti hanno raccolto prove e testimonianze che hanno fatto scattare l’arresto e hanno portato anche all’accusa di ricettazione di una pistola. I carabinieri coinvolti sono due sottufficiali ed un appuntato.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Lifeline entra in acque maltesi, ma niente attracco: “Colpa della Germania”. Berlino sull’orlo della crisi politica

prev
Articolo Successivo

Sicurezza, Censis: “Reati in calo del 10% in un anno, ma una famiglia su tre ha paura”. Salvini: “Serve legittima difesa”

next