Avevano fabbricato false prove contro un extracomunitario ventilando l’ipotesi di un suo coinvolgimento in attività terroristiche. Il tutto per arrestarlo e ricevere così un encomio.

Con questa accusa, tre carabinieri in servizio alla compagnia di Giugliano, nel Napoletano, sono stati arrestati su ordine del gip del Tribunale di Napoli nord. Le accuse sono di falso ideologico, calunnia, detenzione e porto illegale di armi clandestine.

Secondo quanto accertato dai finanzieri di Aversa coordinati dal procuratore di Napoli Nord Francesco Greco e l’aggiunto Domenico Airoma, i carabinieri, già sospesi dall’Arma e ora reclusi nel carcere di Santa Maria Capua Vetere, hanno accusato l’extracomunitario di custodire illegalmente armi clandestine.

Durante l’inchiesta, investigatori e inquirenti hanno raccolto prove e testimonianze che hanno fatto scattare l’arresto e hanno portato anche all’accusa di ricettazione di una pistola. I carabinieri coinvolti sono due sottufficiali ed un appuntato.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Lifeline entra in acque maltesi, ma niente attracco: “Colpa della Germania”. Berlino sull’orlo della crisi politica

next