“Anche se può sembrare enfatico sono certo che in Europa stiamo conducendo una battaglia civile, indipendentemente dalla cronaca e dal risultato di questa battaglia”. Così ha parlato il ministro degli Affari europei Paolo Savona, intervenendo per una delle sue prime volte a Montecitorio e a Palazzo Madama dopo l’informativa di Conte. “Non opera per la cronaca che può anche esserci avversa ma dovrà riflettere sulle iniziative che stiamo intraprendendo per conciliare l’architettura istituzionale Ue con una politica che dovrà essere diversa“.

Savona era stato al centro delle polemiche ai tempi della formazione dell’esecutivo perché nome sgradito al Colle per guidare il Tesoro per le sue posizioni euroscettiche. “Dobbiamo districarci”, ha detto oggi, “dal contingente delle proposte in discussione nelle sedi comunitarie per integrarle con la nostra visione del futuro”. Savona ha quindi ribadito che “gli strumenti alternativi finora proposti in assenza di un prestatore di ultima istanza non appaiono adeguati nei tempi di reazione, che sono lenti, e nella dimensione necessaria, che è scarsa”, annunciando che sul tema il governo presenterà proposte in sede Ue.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Immigrazione, Boldrini vs Salvini e Conte: “Prima gli italiani o gli ungheresi?”. Bagarre in Aula, sarcasmo dai banchi della Lega

prev
Articolo Successivo

Reddito cittadinanza, Lezzi: “Proviamo a partire già nel 2018. Cottarelli? Strana la sua attenzione per coperture M5s”

next