Audi e Hyundai hanno siglato una partnership per lo sviluppo congiunto di tecnologie e componentistica per veicoli Fuel Cell. Si tratta di un accordo plurennale di cross-licensing (concessione reciproca di licenze) per la condivisione di brevetti, sia esistenti che futuri, che comprende anche l’estensione alle rispettive affiliate, cioè Kia e Volkswagen.

Un asse, quello tedesco-coreano, che è stato sancito dalle firme del vice-amministratore delegato di Hyundai-Kia Eui-Sun Chung e del responsabile tecnico dello sviluppo Audi Peter Martens. E che, nelle intenzioni dei due gruppi, servirà a dare impulso e a creare nuove opportunità per il mercato (futuro) dei veicoli alimentati a idrogeno.

Come si diceva, l’accordo comprende anche l’accesso, da parte dei firmatari, alle risorse già esistenti del partner. In questo senso, Hyundai metterà a disposizione il know how riguardante lo sviluppo di due mezzi come la ix35 Fuel Cell e la Nexo dal 2013 ad oggi, nonché la filiera di produzione di componenti FCEV. Dal canto suo, Audi condividerà la tecnologia (sviluppata nel centro di Neckarsulm) del suo prossimo sport utility a idrogeno, che dovrebbe essere pronto a partire dal 2020.

“Questo accordo è un ulteriore esempio dell’impegno di Hyundai nella realizzazione di un futuro sostenibile contribuendo a migliorare la vita dei propri clienti attraverso veicoli a idrogeno, la via più rapida per un mondo a zero emissioni”, ha commentato Chung. “Il modo migliore per ottenere un vantaggio tecnologico con interessanti strutture di costo a lungo termine”, gli ha fatto eco Martens.

Le due aziende non hanno specificato nè la durata dell’accordo, nè la tipologia di veicoli che ne verranno eventualmente equipaggiati.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Dieselgate, multa da un miliardo di euro per Volkswagen in Germania

prev
Articolo Successivo

Auto elettriche, un milione su strada nel 2022 in Italia? “Ci vogliono 9 miliardi”

next