“Ci vogliono schedare, facciano pure siamo abituati se vogliono possono pure marchiarci”. Le parole del ministro dell’Interno Matteo Salvini hanno riacceso il dibattito interno alla comunità rom abituata ormai da anni a questo tipo di attacchi: “Dice che ci vuole cacciare ma qui sono tutti apolidi, comunitari o addirittura italiani di terza generazione – ci dice Riba, uno dei capi del campo La Barbuta a Roma -; io sono qui da cinquant’anni i miei figli sono nati qui e così i miei nipoti”. “I nostri figli vanno a scuola – aggiunge Mahlec, altro abitante del campo – sono italiani. Io stesso sono nato e cresciuto qui. Se mi rimandano nel paese in cui è nata la mia famiglia non mi riconoscono e non sanno nemmeno chi sono”

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Giornata mondiale rifugiato, Mattarella: ‘Italia contribuisce a dovere accoglienza. Ue unita gestisca l’emergenza’

next
Articolo Successivo

Censimento rom, le voci dal campo: “Ecco cosa vuol dire essere zingari nell’Italia di Salvini”

next