Un annuncio invita a farsi il bagno tanto l’acqua è pulita. Ma a pochi metri un altro avviso vieta la balneazione. È il paradosso registrato a Montesilvano, in provincia di Pescara. All’altezza di fosso Mazzocco, un canale di scolo diretto in mare, sono apparsi due cartelli che, pur sorgendo a pochi metri l’uno dal’altro, si contraddicono a vicenda. Il primo assicura: è assolutamente possibile farsi il bagno, anzi, la qualità delle acque è eccellente. Il secondo ammonisce: è vietato tuffarsi in quel tratto di mare. Ma a quale dei due cartelli conviene dare ascolto? Com’è possibile immergersi in tranquillità se a distanza di poche bracciate la balneazione è addirittura vietata? C’è chi ironizza: questa è roba degna di  Mosé, e del miracolo della separazione delle acque.

Acqua pulita nei dieci metri a sinistra, dunque, e acqua sporca nei dieci a destra. Eppure Fosso Mazzocco, quando scoppia un acquazzone, diventa una fogna in piena che scarica in mare. Interpellato dal fatto.it, l’assessore al turismo del comune pescarese, Ernesto De Vincentiis, motiva  così l’arcano: “I cartelli di divieto sono stati disposti dalla Capitaneria di porto in base a una recente ordinanza che vieta in ogni caso di fare il bagno vicino a fossi e foci dei fiumi. Anche se l’acqua è pulita. Quelli che rivendicano invece l’eccellenza del nostro mare sono firmati dall’Arta, l’agenzia regionale per la tutela ambientale“.

Sta di fatto che fino a pochi giorni fa la popolosa cittadina alle porte di Pescara non aveva posizionato alcun cartello di divieto della balneazione, tassativi, appunto, per legge a ridosso di certi punti. Adesso invece abbonda di segnaletica, seppur di segno opposto. Accade lo stesso, per esempio, ai confini col fiume Saline, tra le zone più turistiche dell’arenile perché in parte gestite direttamente dai grandi alberghi. L’acqua che gorgoglia da queste parti ha alle volte un aspetto non troppo rassicurante. Ma pure qui i cartelli di balneazione tendono a smentirsi a vicenda, a pochi passi l’uno dall’altro.

Per le autorità cittadine, Montesilvano è ormai un piccolo paradiso marino. Lo ribadisce De Vincentiis: “Le acque di Montesilvano sono di una qualità eccellente, quest’estate come nelle ultime sette. Siamo al di sotto dei valori massimi di enterococchi ed escherichia coli consentiti. A dircelo sono i campionamenti che vengono eseguiti tutti i mesi dall’Arta. L’ultimo una settimana fa”. Questi campionamenti hanno quattro zone di prelievo: due sono proprio intorno al Saline e a Fosso Mazzocco. Ci si può fare il bagno senza patemi, caro assessore? “Assolutamente sì”. Eppure i cartelli dicono il contrario. O almeno: uno su due.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Gorizia, lavoratore suicida nel Centro stampa del Gruppo editoriale Gedi

next
Articolo Successivo

Lorsica, il borgo delle sete damascate rischia l’abbandono. Sindaco: “Sono scappati tutti. Futuro? Confido negli stranieri”

next