È una pennellata su calcio di punizione di Aleksandar Kolarov a decidere il match tra Serbia e Costa Rica. In una partita in cui il tanto talento dei balcanici ha fatto fatica a concretizzare la quantità di gioco prodotta, il terzino della Roma ha trovato il gol vittoria al 56esimo, trasformando un calcio piazzato con un sinistro a giro su cui non è arrivato il numero uno del Real Madrid Keylor Navas.

Decisamente sottotono Adem Ljajic, mentre Sergej Milinkovic-Savic, al centro di trattative di mercato e in possibile partenza dalla Lazio, si conferma il faro della Serbia. Il centrocampista ha illuminato la manovra della sua nazionale e incantato i 45mila della Samara Arena con piroette, rovesciate e tocchi di pura classe. La Serbia supera così il primo ostacolo del suo percorso mondiale, rischiando qualcosa nel finale ma anche con tante occasioni sprecate nel corso dei 90 minuti, e ora attende il risultato di Brasile-Svizzera, le altre due squadre che compongono il gruppo E.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Russia 2018, le palle di Putin / A Mosca impazziscono i taxi. E pure i prezzi dei menù

next
Articolo Successivo

Mondiali Russia 2018, la Germania cade all’esordio: un ottimo Messico batte 1-0 i campioni in carica

next