Questa mattina tre giornalisti genovesi, Ferruccio Sansa de Il Fatto Quotidiano, Marco Preve de La Repubblica e Matteo Indice de La Stampa, inviati a Bolzano per seguire l’indagine della Procura di Genova sui flussi finanziari della Lega, sono stati identificati dalla Guardia di Finanza, convocati e trattenuti in caserma per tre ore per rispondere, su richiesta della procura genovese, di alcuni articoli sull’inchiesta pubblicati oggi.

In quello del Fatto – Soldi dal Lussemburgo: i pm cercano a Bolzano i milioni del Carroccio rientrati in Italia , a firma di Sansa e Valeria Pacelli – si ricostruisce come la Banca d’Italia abbia ricevuto a marzo da una fiduciaria lussemburghese un report che segnalava un movimento di denaro (3 milioni di euro) giudicato sospetto dal Granducato all’Italia, per la precisione alla Sparkasse di Bolzano. I funzionari di via Nazionale dopo averlo esaminato lo hanno trasmesso agli inquirenti genovesi che stanno ora cercando di capire se il denaro sia stato movimentato da persone riferibili al Carroccio e se si tratti di una fetta dei 48 milioni di rimborsi elettorali spariti nel nulla. 

Fnsi, Associazione Ligure Giornalisti, Ordine Ligure dei Giornalisti e Gruppo Cronisti Liguri hanno condannato , in una nota, “il comportamento intimidatorio messo in atto da magistratura e polizia giudiziaria nei confronti dei colleghi impegnati a illuminare una delle vicende più oscure di questi ultimi anni, riportando aggiornamenti importanti e di sicuro interesse pubblico su un’indagine finanziaria che riguarda riciclaggio conseguente a truffa ai danni dello Stato nel percepimento di 48 milioni di fondi pubblici”. “Sorprende la scelta muscolare di magistratura e polizia giudiziaria, il loro tentativo di imbavagliare l’informazione e imbrigliare la libertà di stampa”, conclude la nota.

Anche il Sindacato giornalisti e l’Unione cronisti del Trentino Alto Adige hanno diffuso una nota per esprimere “solidarietà ai tre colleghi del Fatto Quotidiano, La Repubblica e La Stampa, inviati a Bolzano per seguire l’indagine della Procura di Genova sui flussi finanziari della Lega, identificati dalla Guardia di finanza, convocati e trattenuti in caserma per tre ore per rispondere, su richiesta della procura genovese, di alcuni articoli” e “condannano il comportamento intimidatorio messo in atto da magistratura e polizia giudiziaria”.

IL COMUNICATO DEI CDR DEL FATTO QUOTIDIANO

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Sparkasse e soldi della Lega, solidarietà dei cdr del Fatto ai colleghi sentiti senza avvocato per iniziativa dei pm di Genova

next
Articolo Successivo

Nazismo: Tg1 scova a Monaco Wilhelm Karl Stark, condannato per la strage di Cervarolo e mai estradato

next