Prevedere i terremoti è uno dei sogni più ambiti dai geofisici. Un obiettivo che, se raggiunto, potrebbe permettere di salvare molte vite. Anche se siamo ancora lontani dal riuscirci, i ricercatori hanno fatto un primo – grande – passo in quella direzione. Sono funzionanti i primi modelli per la previsione probabilistica delle scosse, cioè dei test che permettono di stabilire qual è la probabilità che un terremoto accada in una precisa zona oppure no.

La scoperta è stata fatta dalla rete internazionale Csep (Collaboratory for the study of earthquake predictability), di cui fanno parte i ricercatori italiani dell’Istituto nazionale di Geofisica e Vulcanologia (Ingv) insieme agli omologhi di California, Nuova Zelanda e Giappone (non a caso alcuni dei Paesi a più elevato rischio sismico del mondo). I primi risultati dei test riguardano il periodo 2009-2014 e sono stati pubblicati sulla rivista Seismological Research Letters.

Se le probabilità di un sisma “sono del 5 per cento, questo significa che in media una volta su 20 in quelle particolari condizioni ci sarà un terremoto”, ha spiegato all’Ansa il sismologo dell’Ingv Warner Marzocchi. Ciò vuol dire che “siamo lontani anni luce da quello che si intende comunemente con il termine previsione, ma certamente siamo in grado di indicare come le probabilità cambiano nel tempo e nello spazio“. Tutti i dati dei terremoti avvenuti dall’agosto 2009 al 2014 registrati dalla Rete sismica nazionale, spiegano gli scienziati, sono stati confrontati con le previsioni probabilistiche fornite da tanti modelli sottoposti all’esame del Csep. Nella ricerca rientrano quindi le scosse della sequenza dell’Emilia Romagna nel 2012 e in futuro verrà analizzata anche la sequenza dell’Italia centrale iniziata il 24 agosto 2016.

“Il confronto fra le previsioni fatte e i dati osservati permette inoltre di individuare il modello più efficiente“, ha aggiunto Marzocchi. “Grazie alla rete Csep si riesce a spostare in un ambito scientifico tutte le discussioni sulle previsioni”. E di fare un passo ulteriore, forse, verso la ‘vera’ previsione dei terremoti.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Marte, rover Opportunity bloccato da tempesta di sabbia. Da due giorni Nasa non ha “notizie”

prev
Articolo Successivo

Vaccini per rispondere a resistenza batterica agli antibiotici e prevenire i tumori. Così la ricerca studia le soluzioni

next