“Lo Stato deve fare lo Statoi privati fanno altro. Non abbiamo mai negato il principio della solidarietà. Ma da questa settimana non siamo più soli. Abbiamo messo un punto fermo sulle Ong. Guardia costiera e Marina militare potranno continuare a salvare vite, ma gli altri Paesi devono continuare a darci una mano”. Così Matteo Salvini, neo ministro dell’Interno, dopo il caso Aquarius, entrando al vertice con il presidente del Consiglio Conte e gli altri ministri competenti a Palazzo Chigi. “Respingimenti obiettivo ultimo? No, l’obiettivo è ridurre le partenze”, ha rivendicato il segretario leghista, per poi spiegare come il nuovo governo stia studiando se dare nuove direttive alla Guardia costiera italiana. “Conto di andare entro la fine di questo mese in Libia“, ha infine aggiunto Salvini.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

SALVIMAIO

di Andrea Scanzi 12€ Acquista
Articolo Precedente

Aquarius, Ferrara (M5s): “È stato messo a nudo problema che denunciamo da tempo, questione va regolamentata”

next
Articolo Successivo

Elezioni Comunali 2018, Lega guida la coalizione anche al Centro. Pd nei 20 capoluoghi perde 100mila voti. M5s punito dal non voto

next