La Procura di Torino ha chiesto l’archiviazione nei confronti di amministratori e sindaci Gtt, società torinese del trasporto pubblico locale, indagati per falso in bilancio per i cosiddetti “disallineamenti” fra i conti dell’azienda e quelli del Comune di Torino. Lo rende noto il procuratore Armando Spataro (nella foto), precisando in un comunicato che per sei indagati è stata ritenuta l’estraneità ai fatti. Per gli altri tre indagati, invece, la richiesta è stata formulata in ragione dell’insussistenza dell’elemento soggettivo richiesto per il delitto di falso contabile.

L’accusa riguardava, in particolare, la scelta di applicare ai crediti vantati da Gtt nei confronti dell’amministrazione comunale un nuovo tasso di interesse, più alto rispetto a quello concordato in origine. Il nuovo tasso era stato applicato anche ai crediti sorti in precedenza. In questo modo si determinava un “artificiale miglioramento – spiega Spataro nella nota – dello stato patrimoniale, economico e finanziario di Gtt”.  Nel bilancio Gtt, spiega ancora la Procura, non figurava alcun riferimento all’origine del credito, non comunicato o comunque non formalmente accettato dall’amministrazione comunale. Le ulteriori indagini hanno però consentito di evidenziare come gli indagati “ben potessero ritenere che il Comune di Torino avesse riconosciuto come fondata e legittima la pretesa della società partecipata di vantare il citato ulteriore credito, con conseguente pagamento del relativo debito“. Per il Comune di Torino, inoltre, l’approvazione del bilancio non ha significato il riconoscimento dei crediti in essi iscritti e che Gtt pretendeva di vantare verso il Comune stesso. La Procura, tuttavia, “ritiene non si possa far carico, quanto meno con riferimento alla vicenda oggetto del presente procedimento, agli odierni indagati – conclude la Procura – fermo restando l’ovvio rispetto per le future determinazioni del giudice competente”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Milano, per la truffa dei fondi pm chiede 6 anni per ex assessore: “Banchetto a cui tutti hanno partecipato”

prev
Articolo Successivo

Expo, pg Milano ricorre contro il proscioglimento del sindaco Sala

next