Le Khan AIMO sono le prime di cuffie di Roccat a supportare la tecnologia AIMO, il sistema di illuminazione RGB della casa tedesca, ma non è questo il loro punto di forza.

Caratterizzate da un design funzionale e senza fronzoli (se escludiamo le 4 aree led ed il logo del produttore), le Khan AIMO offrono un buon comfort una volta indossate, grazie a padiglioni costruiti per accogliere l’orecchio, comodi cuscinetti in memory foam rivestiti in pelle (purtroppo non sono sostituibili) ed un peso abbastanza contenuto, tra i 50g ed i 100g inferiori ai principali concorrenti.

Le Khan AIMO integrano una scheda audio dedicata con DAC a 24bit/96KHz e supporto al 7.1 virtuale a supporto di due driver da 50mm, offrendo una buona resa sonora sia nell’utilizzo in gioco che nel comune utilizzo multimediale con musica e film. È possibile gestire l’attivazione (e disattivazione) del virtual surround direttamente dalle cuffie grazie ad un comodo pulsante presente sull’esterno del padiglione destro, padiglione che ospita anche una ghiera per la regolazione del volume.

Durante la prova ci ha impressionato in modo positivo il microfono, posizionato su un’asta “rotante” connessa al padiglione sinistrro, capace di offrire agli interlocutori una voce chiara e senza eccessivi disturbi esterni, anche tenendo disattivata la cancellazione dei rumori offerta dal software di Roccat. Assenti indicatori visivi dell’attivazione del microfono, è possibile mutarlo ruotandolo verso l’alto (in senso orario) fino a quando non si sente il clic (circa 45° rispetto all’archetto),  sicuramente non il metodo più immediato tra quelli che il mercato offre.

Il sistema AIMO si occupa di gestire l’illuminazione delle 4 aree presenti sulle cuffie (2 strisce verticali presenti sui due padiglioni e due piccole linee orizzontali sui supporti dei padiglioni), dando accesso a vari effetti, tra cui AIMO (colorazione che varia in sincronia con le altre periferiche abilitate), pulsazione ed intermittenza, con la possibilità di gestire il tutto tramite il pannello dedicato alla periferica sul software Swarm di Roccat.

Sempre tramite Swarm è possibile gestire varie regolazioni della cuffia, tra cui l’equalizzatore, l’attivazione del virtual surround, la frequenza di campionamento ed alcuni parametri del microfono. Le uniche vere problematiche che abbiamo riscontrato con le Khan AIMO sono state legate alla parte software, con alcune problematiche a livello di driver e firmware che sono stati risolti definitivamente dal produttore nel corso del mese di maggio.

Le Roccat Khan AIMO sono disponibili in italia con un prezzo nell’intorno dei 120€, abbastanza in linea con le qualità espresse dal prodotto.

 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

EA Play 2018: da Battlefield V ad Anthem, passando per Fifa19, la prima conferenza dell’E3 non presenta sorprese. O quasi

prev
Articolo Successivo

Xbox: tra esclusive e prime mondiali Microsoft ha mostrato 50 giochi alla sua conferenza

next