Considerati tra gli esseri più intelligenti del regno animale i delfini potrebbero essere più simili agli uomini di quanto si pensi. Uno studio condotto dall’università dell’Australia Occidentale (Uwa) conferma che queste creature usano dei “nomi” individuali per identificare i loro amici e i loro rivali all’interno delle reti sociali. Secondo l’autore principale del lavoro, Stephanie King del Centro per la biologia evolutiva dell’Uwa, per nessun altro animale è stato riscontrato tale comportamento, anche quando forma delle collaborazioni a lungo termine.

“Quando due gruppi s’incontrano, scambiano i loro suoni di riconoscimento per far sapere chi è presente – ha detto all’agenzia di stampa Xinhua – A volte riproducono il ‘nome’ di un altro animale quando non sono nei paraggi, ma non sappiamo ancora cosa significhi”.  A Shark Bay, nell’Australia occidentale, i ricercatori hanno raccolto le registrazioni di 17 delfini tursiopi, noti per la formazione di alleanze. Da una piccola nave di ricerca, gli scienziati hanno osservato i delfini e usato microfoni subacquei per registrarli. Dopo aver raccolto le registrazioni, il team è stato in grado di determinare i ‘nom’ o l’etichetta vocale individuale di ciascun maschio.

Mentre alcuni animali come pappagalli, pipistrelli, elefanti e primati sono noti per effettuare richiami vocali molto simili tra loro, i delfini sono in grado di conservare suoni unici. “Mantenere i nomi individuali è più importante della condivisione dei richiami in quanto consente ai delfini di negoziare una complessa rete sociale di relazioni cooperative – ha spiegato King -. I nomi aiutano i maschi a tenere traccia delle loro numerose e diverse relazioni: chi sono i loro amici, quali gli amici degli amici e quali i loro concorrenti”. King ha detto che il prossimo passo sarà quello di studiare le relazioni dei maschi più da vicino, al fine di sviluppare un’ulteriore comprensione del panorama delle alleanze dei delfini a Shark Bay.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Curiosity su Marte, scoperta la presenza di molecole organiche: forse c’era vita sul Pianeta rosso (o c’è ancora)

prev
Articolo Successivo

Parkinson, “così la vitamina B3 riesce a fermare la morte dei neuroni”

next