C’è un contenzioso alla base del pignoramento del vitalizio da parlamentare di Ilona Staller. Ma il legale che tutela l’ex porno star, deputata dal 1985 al 1992 candidata dal partito Radicale, spiega: “Non è stato pignorato solo un quinto del vitalizio della mia assistita, ma l’intero importo, tanto che essendo la sua attuale principale fonte di reddito, ha avuto difficoltà e subito anche ingiunzioni da Equitalia con le conseguenze che si possono immaginare”. E’ quanto spiega l’avvocato Gianfranco Ferrari, legale di Ilona Staller, in arte Cicciolina, che ha presentato ieri denuncia contro ignoti per chiedere alla Procura di Roma di identificare “le responsabilità dei fatti” dopo il decreto ingiuntivo che ha portato al pignoramento del vitalizio da parlamentare dell’ex star del porno. La vicenda, rilanciata anche da alcuni organi di informazione, è legata ad un presunto mancato pagamento da parte della Staller delle quote di un condominio sulla Cassia per circa 70 mila euro.

Nel provvedimento ora all’attenzione dei pm, Cicciolina cita il verbale di assemblea di condominio del 17 maggio scorso dove “si legge a chiare lettere – afferma il legale – che sarebbe in corso una procedura di media-conciliazione con un’offerta transattiva dell’amministratore precedente, procedura avviata dalla nuova amministrazione. Nella denuncia – aggiunge il penalista – la mia assistita contesta il fatto che non potevano essere richiesti decreti ingiuntivi esecutivi nei suoi confronti per importi complessivi di 70 mila euro sulla base di semplici preventivi e senza i rendiconti consuntivi approvati”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Enit, per i 30 dipendenti di Roma 90 metri quadrati a testa. La sede costa un milione e 800mila euro l’anno

prev
Articolo Successivo

Di Maio: “Lista donatori dell’associazione Rousseau depositata alla Camera. Chi critica faccia come noi, anche la Lega”

next