“Alle prossime elezioni correrò anche io, con il mio movimento ‘Uno di voi’. Non è un partito, ma un movimento di opinione anti-casta”. Lo annuncia ai microfoni di Ecg Regione, su Radio Cusano Campus, l’ex direttore del Tg4, Emilio Fede, che spiega: “Sono di area vicina al centrodestra, ma stimo tantissimo anche Renzi. Per me è bravissimo, sono uno suo grande sostenitore. Non sono nei partiti, non sodalizzerò con i partiti, sarò in mezzo alla gente. Legalizzeremo la prostituzione, riapriremo le case chiuse. Sarò contro l’invasione degli stranieri e degli extracomunitari, ne ho le palle piene. Legalizzeremo le droghe leggere. Sono tra la gente, contro la casta. Nei prossimi giorni organizzerò un pizza e birra con i tassisti di Napoli“. Fede rende omaggio al leader della Lega e ironizza sul capo politico del M5S: “Salvini premier? Lo vedrei sicuramente in quel ruolo, anche se per me il premier dovrebbe essere un’altra persona e lo dico dal punto di vista affettivo. Ma Salvini si è comportato nel modo migliore, ha agito bene, politicamente è maturo, al contrario di quell’altro suo dirimpettaio. Come si chiama? Sì, Di Maio. Io non lo nomino, perché ogni volta mi commuovo quando parlo di lui”. E rincara: “Di Maio è un ragazzo che ride sempre, come fai a non volergli bene? Si è pure arrabbiato con Mattarella. E quando si arrabbia, l’Italia trema. Ma roba da matti. Mi è simpatico, è il ragazzo che avrei voluto come pronipote. Gli avrei insegnato come si mangia, come si ride, quando si ride e quando non si ride, quando si deve piangere e quando non si deve piangere, insomma, un sacco di cose e lo dico con intelligenza. Quando questo ragazzo sarà maggiorenne, perché non so quanti anni e quante lauree abbia, farà grandi cose”. Poi accusa stampa e media: “Sono stato assolto e nessuno lo ha detto. La notizia che mi assolve totalmente è stata data due giorni dopo in una brevissima nota di agenzia. Questo giornalisticamente non è corretto. Questo non si fa, l’informazione deve essere più responsabile. Io sono sempre stato garantista, se fosse capitato a me ci avrei aperto il tg. Ero accusato di aver utilizzato Lele Mora per rubare dei soldi a Berlusconi

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

SALVIMAIO

di Andrea Scanzi 12€ Acquista
Articolo Precedente

Governo, Meloni: “Disponibili anche a sostenere governo che veda Lega insieme al M5s”

next