Mi permetto di aggiungere al dibattito un dato che mi pare venga tralasciato dai più. Esattamente come successo a Pier Luigi Bersani nel 2013 quelle di Salvini e Di Maio, in base alle regole date, sono delle non-vittorie.

La non-vittoria di Bersani portò, fallita ogni ipotesi di alleanza in streaming (ricordate lo streaming?), all’energica iniziativa del presidente della Repubblica Giorgio Napolitano: incarico a Enrico Letta, non uno sconosciuto ma il vice segretario del partito di maggioranza relativa (il numero 2 di Bersani stesso), per un governo di grande coalizione con Forza Italia. Forse l’unica soluzione possibile allo stato? Di certo, a mio personale giudizio, una tappa del disastro che ha portato al governo Renzi e alla fine del centrosinistra, sciagura immensa.

Anche il 4 marzo 2018 abbiamo avuto non-vittorie, appunto, secondo le regole date. Se le regole date non piacciono non è sufficiente affermare “non abbiamo votato per quella legge elettorale”. Ci sono tanti modi di fare politica, come Alessandro Di Battista pronto al viaggio in Sudamerica insegna. Se Lega ex nord e Movimento 5 stelle avessero voluto meglio esprimere la loro contrarietà alle regole date, avrebbero potuto fare come il Partito radicale di Maurizio Turco e Rita Bernardini non partecipando alle elezioni e denunciandone l’illegittimità.

Troppo facile dopo questa sceneggiata lunga due mesi e mezzo, fra veti, passi indietro finti e contratti vergognosi, attaccare le istituzioni e la Presidenza della Repubblica.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

C'era una volta la Sinistra

di Antonio Padellaro e Silvia Truzzi 12€ Acquista
Articolo Successivo

Governo, Toti (FI): “No alla fiducia a Cottarelli, al voto il prima possibile”

next