“Oggi la mafia è più portata a trattare che a lottare, se ovviamente lo Stato asseconda i suoi voleri”. Il giornalista del fatto Quotidiano Marco Lillo anticipa alcuni contenuti dell’incontro “Stato e mafie, trattare o convivere?” con Franco Roberti, magistrato e già procuratore nazionale antimafia dal 2013 al 2017, al circolo Fuori Orario di Taneto di Gattatico dove è in corso la Festa del Fatto Quotidiano. “La trattativa è tipica del popolo italiano. Tra rispetto della legge astratta e aiuto alla famiglia si cerca il compromesso, la commedia, non la tragedia a differenza di quanto avviene all’estero”. “Se c’è una parte dello Stato che è incarnata da Paolo Borsellino e un’altra parte che va a casa della mafia e pone una trattativa, alla fine si finisce per isolare Borsellino e condannarlo a morte”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

‘Ndrangheta, il pentito rivela: “Mi chiesero di gambizzare un magistrato di Biella in cambio di una villa. Rifiutai”

next
Articolo Successivo

Festa del Fatto, Marco Lillo dialoga con Franco Roberti: “Stato e mafie, trattare conviene?”. Rivedi l’evento

next