Una rivelazione di Angelo Izzo, uno degli autori del massacro del Circeo, getta una nuova luce sulla sparizione di Rossella Corazzin, 17enne pordenonese di San Vito al Tagliamento della quale si persero le tracce il 21 agosto 1975 dai boschi di Tai di Cadore, nel bellunese. Izzo, che sta scontando due ergastoli nel carcere di Velletri, ha raccontato ai magistrati che la ragazza fu rapita durante una vacanza in Cadore, portata sul lago Trasimeno, “tenuta prigioniera qualche tempo”, stuprata e uccisa. La ragazza era stata scelta, ha spiegato ancora l’uomo, perché vergine. Il fascicolo con le dichiarazioni di Izzo è arrivato sul tavolo del procuratore di Belluno Paolo Luca.

Quel 21 agosto Rossella scomparve nei boschi di Tai di Cadore mentre era in vacanza con la famiglia: si allontanò da sola da casa per una passeggiata verso il monte Zucco, portando con sé una macchina fotografica e un libro e sparì nel nulla. Le indagini seguirono per qualche giorno l’ipotesi di una “fuga” volontaria, ma la pista si rivelò poi inconsistente e la vicenda rimase un giallo. Un mese dopo, nella notte tra il 29 e il 30 settembre, la banda di Izzo avrebbe attirato Donatella Colasanti e Maria Rosaria Lopez in una villa della località turistica laziale e le avrebbero torturate fino a uccidere la seconda. Donatella Colasanti si salvò fingendosi morta.

LA VICENDA GIUDIZIARIA – “Angelo Izzo non ha fatto il nome di questa ragazza friulana, ma ha dato dei riferimenti sulla vicenda del rapimento, con la data del fatto, tali da far ritenere che si trattasse di Rossella Corazzin”, ha affermato il procuratore , parlando delle dichiarazioni del mostro del Circeo, rese – ha spiegato – alla fine del 2016 ai pm romani Eugenio Albamonte e Michele Prestipino. Sia il rapimento che la violenza, risalenti all’estate 1975, sono ormai prescritti; l’unico reato sul quale si può continuare a indagare è quindi l’omicidio. Per questo il magistrato ha spiegato di non aver potuto far altro, visionato le carte, di trasmettere il fascicolo a Perugia, per incompetenza territoriale di Belluno.

I magistrati capitolini, si apprende a piazzale Clodio, ascoltarono Izzo nel settembre del 2016 dopo che questi inviò una lettera ai pm di piazzale Clodio in cui affermava di essere pronto a fare rivelazioni su una serie di fatti. Dopo avere raccolto la sua testimonianza, la Procura aprì un fascicolo senza indagati e senza ipotesi di reato. Effettuate una serie di verifiche, Izzo fu denunciato per calunnia e autocalunnia in merito a vicende di competenza romana su presunti fatti di sangue che risalivano agli anni ’70. Le sue dichiarazioni risultarono prive di riscontri e totalmente inattendibili. I pm inviarono quindi gli atti alla Procura di Velletri per competenza territoriale, visto che le dichiarazione erano state raccolte nel carcere del comune dei Castelli dove Izzo è detenuto. Per i fatti non di competenza romana, i pm di piazzale Clodio hanno inviato gli atti ad altre procure: per le dichiarazioni relative alla vicenda di Rossella Corazzin inviarono tutto alla Procura di Belluno.

L’inchiesta era stata archiviata dalla procura del capoluogo umbro già oltre un anno fa. A quanto apprende l’Adnkronos, le dichiarazioni di Izzo non erano state ritenute credibili e gli accertamenti effettuati non avrebbero fatto emergere alcun elemento utile per proseguire nell’indagine. Per i magistrati perugini si trattava di circostanze non riscontrabili per cui è stata disposta l’archiviazione. Il nuovo materiale arrivato da Belluno sarà vagliato nei prossimi giorni.

DIVISI I LEGALI DI IZZO – “All’epoca, quando avevamo contatti, non mi parlò mai di questo omicidio – afferma l’avvocato Enzo Guarnera, in passato legale di Angelo Izzo – mi appare strano perché in quegli anni avevamo un buon rapporto sul piano difensore-cliente e ritengo che me lo avrebbe raccontato. Poi tutto è possibile ma resto perplesso e sorpreso di questo fatto nuovo che avrebbe commesso”. L’avvocato spiega di aver avuto l’ultimo contatto con Izzo “5-6 anni fa. Voleva la revisione della condanna per il duplice omicidio di Ferrazzano, io aspettavo una sua memoria con delle indicazioni concrete per rendere plausibile la richiesta di revisione e da allora non ho più ricevuto comunicazioni”.

Rolando Iorio, attuale legale del mostro del Circeo, dà credito invece alle parole del suo assistito: “In passato Angelo Izzo mi ha raccontato della vicenda di Rossella Corazzin, e mi ha detto che con lui c’erano altre persone tra cui Andrea Ghira, coinvolto con lui nel massacro del Circeo”. “Izzo, che ho incontrato nell’aprile scorso, già nel 2016 mi aveva parlato di questa vicenda sulla quale non posso soffermarmi perché sono in corso indagini. In questi anni mi ha messo a parte di molti episodi – aggiunge l’avvocato – spesso non è stato creduto, ma non sarebbe corretto dargli una patente di inattendibilità perché in alcuni casi le sue parole hanno ottenuto riscontri dagli inquirenti”.

“E’ una notizia priva di qualsiasi fondamento. Quello che racconta Angelo Izzo va sempre preso con le molle perché in passato ha dimostrato di essere una persona non coerente e lineare”. Così l’avvocato Massimo Ciardullo, storico difensore di Gianni Guido, uno dei massacratori del Circeo e tornato libero dopo avere scontato la pena, commenta le affermazioni di Izzo. “Non so nulla di questa vicenda”, conclude il penalista.

IL MASSACRO DEL CIRCEO – La Lopez e la Colasanti avevano conosciuto casualmente, a Roma, Izzo, Gianni Guido ed un altro loro amico, poi risultato del tutto estraneo al ”festino” organizzato nella villa del Circeo. Il 29 settembre le ragazze avevano accettato un invito dei giovani per partecipare ad una ”festicciola” in una casa del litorale pontino. Giunte alla villa del Circeo, di proprietà del padre di Andrea Ghira, un noto imprenditore romano, le due ragazze furono sottoposte per quasi due giorni dai tre ”pariolini” a violenze e sevizie di ogni tipo. Proprio nel corso di una ennesima violenza, Maria Rosaria Lopez perse i sensi e i suoi aguzzini la uccisero immergendole ripetutamente la testa nella vasca da bagno.

Donatella Colasanti riuscì ad evitare la stessa fine: sottoposta ad una bastonatura si finse morta e tale la credettero i torturatori. I tre avvolsero i corpi delle ragazze in sacchi di plastica, li caricarono nel bagagliaio dell’auto e tornarono a Roma. Prima di sbarazzarsi dei corpi, Izzo, Guido e Ghira commisero l’errore che li avrebbe poi fatti scoprire: lasciarono la macchina sotto l’abitazione di uno dei tre e si allontanarono. Donatella Colasanti, accortasi che l’ auto era stata abbandonata, cominciò a gemere richiamando cosi’ l’attenzione di un vigile notturno.

L’identificazione dei responsabili della morte della Lopez e del ferimento della Colasanti fu questione di ore e tutta la vicenda fu ricostruita dagli inquirenti nel giro di pochi giorni. L’ auto nella quale erano nascosti i corpi delle ragazze era di proprietà di Gianni Guido, figlio di un alto funzionario di banca. E fu proprio Guido, subito fermato dai carabinieri, a confessare di aver partecipato al delitto, facendo anche i nomi dei suoi complici, Angelo Izzo ed Andrea Ghira, due giovani rampolli di agiate famiglie, di simpatie neofasciste, già noti alla polizia per i loro trascorsi teppistici. Izzo fu arrestato pochi giorni dopo la scoperta del delitto, mentre Andrea Ghira, informato in tempo, riuscì a dileguarsi e a far perdere le proprie tracce per diversi anni.

Il processo, svoltosi nell’estate del 1976 davanti i giudici della corte di assise di Latina, si concluse con la condanna degli imputati all’ergastolo in virtù della ricostruzione fatta dalla Colasanti. Vano, nel corso del processo, fu il tentativo dei difensori degli imputati di ottenere il riconoscimento di una totale o parziale capacità di intendere e volere dei loro assistiti. In appello (ottobre 1980) l’ergastolo fu confermato per Izzo e Ghira mentre a Guido furono riconosciute le attenuanti generiche e la pena fu tramutata 30 anni di carcere.  Quest’ ultima decisione suscito’ molte
polemiche anche perché motivata dal versamento di 100 milioni di lire fatto, a titolo di risarcimento, dai Guido ai familiari della Lopez. La stessa cifra fu invece rifiutata dalla Colasanti. Nel settembre del 1983 la Cassazione confermò la sentenza di appello.

IL MASSACRO DI FERRAZZANO – Nel dicembre 2004, Izzo aveva ottenuto la semilibertà dal carcere di Campobasso per andare a lavorare nella cooperativa “Città futura”. Pochi mesi dopo, il 28 aprile 2005, Izzo aveva ucciso Maria Carmela, 48 anni, e Valentina Maiorano, 14, all’epoca sotto protezione a Ferrazzano (in provincia di Campobasso) e rispettivamente moglie e figlia di Giovanni Maiorano, ex affiliato (poi pentito) della Sacra corona unita che Izzo aveva conosciuto in carcere. Durante il processo si era dichiarato responsabile del duplice omicidio.

La moglie di Maiorano si era trasferita con la figlia a Ferrazzano, dove avrebbe dovuto aprire un ristorante in società con Izzo, investendo i soldi del marito. I due divennero amanti: ”C’era una relazione tra me e Maria Carmela, avallata dal marito”, racconto’ l’assassino ai giudici. Una versione smentita da Maiorano, il quale comunque credeva che Izzo fosse omosessuale (”altrimenti non gliele avrei affidate”): in cella il romano parlava con affetto di un suo amico, indicandolo come il suo ”Luchetto”. La relazione con ”quella donna mi asfissiava, voleva fuggire con me”, rivelò Izzo. ”Era diventata opprimente”, disse. Mentre Valentina era ”una scomoda testimone”.

Nella vicenda erano coinvolti anche Luca Palaia – ”Luchetto”, condannato a 30 anni – e Giovanni Palladino, il quale patteggiò due anni e tre mesi per l’aiuto dato nel tentativo di nascondere i cadaveri nella villa di proprietà di sua nonna. Fu lo stesso Izzo, in una lettera al suo avvocato, a ricostruire le fasi dell’omicidio. ”Chiamai Maria Carmela, la feci sdraiare, la ammanettai e imbavagliai, la colpii alla testa quando prese ad agitarsi. Luca era esitante, gli puntai la pistola e lo sgridai a bassa voce. Capii che non potevo contare su Luca per Valentina. Così andai di là e feci tutto da solo. Dissi a Valentina che la dovevo trasportare, l’ammanettai, la spogliai, la imbavagliai e poi la impacchettai senza che facesse alcuna resistenza”.

Sul viso della ragazza furono trovate tracce organiche di Izzo, che hanno motivato le accuse di violenza sessuale rivolte dal Pm. Il ritrovamento dei due corpi avvenne due giorni dopo il delitto in seguito all’arresto di Izzo per traffico di armi, nonché di Palaia e Palladino, sorpresi in possesso di una pistola mentre tornavano da un viaggio in Puglia.