Erano due, hanno fatto irruzione nel ristorante indiano a volto coperto e lì hanno fatto esplodere l’ordigno che ha ferito 15 persone, di cui tre gravi. È successo a Mississauga, città meridionale nella provincia canadese dell’Ontario, nella parte occidentale dell’area metropolitana di Toronto.

I due – “di carnagione chiara”, come scrivono i media canadesi – al momento sono ancora in fuga. A renderlo noto è stata la polizia, spiegando che due persone sospette sono entrate all’interno del locale, il Bombay Bhel, ed hanno fatto scoppiare l’ordigno esplosivo improvvisato intorno alle 22.30. “Diversi feriti” sono stati ricoverati in ospedale, mentre tre persone che versano in condizioni critiche sono state portate in un centro specializzato di Toronto. I due sospetti sono fuggiti dal luogo dell’attacco immediatamente dopo l’esplosione e la polizia ha lanciato un appello al pubblico per chiedere aiuto nell’identificazione dei due attentatori, si legge sul sito della Bbc.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Caso Weinstein, il New York Times: “È pronto a consegnarsi alla polizia”

prev
Articolo Successivo

Yarmouk: come stai, Siria?

next