Archiviate le indagini per apologia di fascismo, ora arriva il sequestro per abuso edilizio. Martedì pomeriggio i carabinieri della forestale di Mestre hanno messo i sigilli al bar dello stabilimento balneare di Punta Canna a Sottomarina di Chioggia, già finito al centro di un’inchiesta lo scorso anno perché tappezzato di cartelloni e foto inneggianti al fascismo. Quel chiostro però lì non ci poteva stare, perché andava ad occupare aree esterne a quelle assegnate dal Comune.

La misura del sequestro preventivo è stata emessa dal tribunale del Riesame di Venezia il 18 maggio, dopo che le indagini avevano accertato che le struttura, comprensiva di magazzino, servizi igienici e recinzioni, era stata costruita al di fuori degli spazi dati in concessione dal comune di Chioggia, impedendo al pubblico di fruire liberamente di una zona appartenente al demanio marittimo. La magistratura sta vagliando anche l’ipotesi di distruzione o deturpamento di bellezze naturali, dato che l’area è sottoposta a vincolo paesaggistico-ambientale. Un colpo giudiziario che arriva all’inizio della stagione balneare e dopo quello dell’indagine per apologia di fascismo, poi chiusa con l’archiviazione, che aveva portato al licenziamento dell’ex gestore Gianni Scarpa. Per questo nuovo caso sono state denunciate tre persone, tutte legali rappresentanti della società.

Articolo Precedente

G8, l’ex capo dei Gis: “La Diaz? Non c’ero, non so se si esagerò”. Ma condannati in 25 e fu un agente a parlare di ‘macelleria’

next
Articolo Successivo

Torino-Ivrea, scontro tra treno e tir: due morti e 23 feriti. Dubbi su dinamica. Anas: “Camion non ha rispettato norme”

next