“Noi siamo pronti: o si parte o si torna al voto”. A dirlo, in diretta Facebook da Roma, è il segretario della Lega, Matteo Salvini. Che poi difende Paolo Savona, il cui nome è stato accostato in questi giorni al Ministero dell’Economia: “È una persona competente, con un solido curriculum. Ha osato dire che questa Unione Europea, così com’è, non va bene, e che l’euro fu una gabbia costruita dai tedeschi. Per questo è stato attaccato dai governi e dai giornali esteri”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Giuseppe Conte e il “caso curriculum”. Ecco perché l’università italiana spinge a “pompare” le attività all’estero

prev
Articolo Successivo

Governo, Bonafede (M5s): “Nome resta Conte, noi seri”. Centinaio (Lega): “Di Maio premier? Non è carnevale”

next