“Milano è sempre stata alla testa del percorso sui diritti”. Lo ha dichiarato il sindaco di Milano, Beppe Sala, a proposito della registrazione all’anagrafe di un bambino con due mamme. “Abbiamo voluto esaminare bene le questioni, perché il tema non si esaurisce con la registrazione di un bambino di due mamme, ma ci sono anche bambini nati all’estero sui quali ci possono essere più dubbi. Milano va avanti anche indipendentemente dagli altri, aspettavamo solo che qualcuno ce lo chiedesse”. Dura la replica della Lega: “È un’assurdità, il bambino ha il diritto ad avere un padre e una madre” ha commentato Alessandro Morelli, consigliere comunale di Milano.

 

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Contratto M5s-Lega, quelle frasi sul diritto di famiglia mi hanno quasi commosso

next
Articolo Successivo

Coppie gay e figli, quella di Andrea e Gianni è una storia di orgoglio e coraggio

next