Si chiama Ben Mohamed Ayari Borhane, 43 anni, il detenuto tunisino del carcere di Opera che è scappato dall’ospedale Fatebenefratelli di Milano durante un ricovero. Da quanto si apprende, l’uomo è considerato al “livello 1” del rischio di radicalizzazione e si era autoproclamato imam. Si tratta del livello più basso, assegnato ai soggetti che pregano in carcere e invitano alla preghiera altri detenuti. Immediate le ricerche in tutta Italia da parte del Nucleo investigativo centrale della polizia penitenziaria. Il Dap diffuso anche una fotografia per consentire ai cittadini di riconoscerlo e segnalarlo alle forze dell’ordine.

Secondo la ricostruzione della polizia penitenziaria, il 43enne tunisino è scappato da una finestra basculante evitando la sorveglianza di tre agenti. Era stato accompagnato al pronto soccorso dell’ospedale Fatebenefratelli, in pieno centro a Milano, per aver ingoiato una lametta da barba. Borhane è detenuto nel carcere di Opera per una condanna di associazione a delinquere finalizzata al traffico di droga (fine della pena fissata oltre il 2030).

Il Dipartimento dell’Amministrazione penitenziaria, oltre a diffondere la foto dell’uomo, ha messo a disposizione il numero 06 66529302 del Nucleo investigativo centrale della Polizia penitenziaria da chiamare in caso di avvistamenti.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Fatture false per sponsorizzazioni in Formula 1: evasi 50 milioni e arrestato consulente finanziario

prev
Articolo Successivo

Pedofilia, si dimettono tutti i vescovi cileni: “Chiediamo perdono, abbiamo commesso gravi errori ed omissioni”

next