Dopo film e serie tv, ora la sua “Faccia d’Angelo” è diventata il logo di una struttura che accoglie turisti. Il volto di Felice Maniero, l’ex boss della Mala del Brenta, è stato scelto come “frontman” dall’ “Hostello Felice” di Ercolano. Uno scatto di qualche tempo fa, piuttosto celebre allora, che per quanto stilizzato ritrae l’ex boss in modo assolutamente riconoscibile ed è diventato il logo dell’attività, che si trova a pochissimi metri dall’ingresso storico del parco archeologico.

Fino a poche settimane fa, come riportato da Il Gazzettino, sui balconi della struttura c’erano anche striscioni col volto di Maniero, l’uomo che ha creato e guidato, negli anni Ottanta e Novanta, una holding criminale che si avvaleva di una banda di 400 persone che imperversava nel Nord Italia. Un impero che lui stesso, a partire dal 1995, ha contribuito a smantellare decidendo di collaborare con le forze dell’ordine.

Nonostante siano passati oltre vent’anni, nonostante il boss sia stato un “fenomeno” legato al nord-est del Paese, la sua immagine è arrivata fino in provincia di Napoli, ma non è passata inosservata a due realtà locali anticamorra, Radio Siani e Fai antiracket, che hanno sollevato il caso. Rimossi gli striscioni, rimane un’insegna all’entrata dell’ostello con il volto dell’ex boss. Il proprietario, Claudio Ciliberto, ha fatto sapere che toglierà anche quella, e ha spiegato che il viso di Maniero era stato scelto dopo una ricerca sul web “per trovare un viso felice. All’inizio avevamo pensato anche a Berlusconi, ma ci sembrava troppo”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Pedofilia, si dimettono tutti i vescovi cileni: “Chiediamo perdono, abbiamo commesso gravi errori ed omissioni”

prev
Articolo Successivo

Pisa, papà lascia in auto la figlia di un anno e va al lavoro: la bimba è morta

next