“La ‘ndrangheta non ha dovuto minacciare gli imprenditori dell’Emilia Romagna per inserirsi nel mercato. Ha solo risposto ad una domanda di falsa fatturazione che già c’era, dimostrandosi la più capace e affidabile”. Lo dice il pm del processo Aemilia Marco Mescolini nel primo giorno della requisitoria finale. Sei ore per richiamare i passaggi storici dell’inchiesta che ha portato alla sbarra la cosca Grande Aracri nel più grande processo per mafia del nord Italia. Mescolini ha pure definito “indecoroso” l’intervento in aula di alcuni testimoni (ha citato il consigliere comunale Salvatore Scarpino, Pd all’epoca dei fatti) che hanno accusato  il processo Aemilia di criminalizzare tutti i cutresi.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Ruby Ter, Berlusconi rinviato a giudizio a Roma per corruzione: “Ha pagato Apicella per indurlo alla falsa testimonianza”

next
Articolo Successivo

Montante, altri tre indagati: “Lo hanno aiutato a distruggere l’archivio segreto”. Lui nega: “Inattendibile chi mi accusa”

next