In assenza di smentite è più che una voce: Trump sarebbe pronto a mettere dazi del 20% anche sulle auto importate, con un occhio alle emissioni ma soprattutto agli interessi dell’industria nazionale. La notizia viene data dal Wall Street Journal e in un attimo rimbalza in Italia e nel mondo. Filtra dall’incontro tra The Donald e i produttori che si è svolto alla Casa Bianca. L’amministrazione Usa spiega la mossa con l’intenzione di applicare alle auto importate standard sulle emissioni più duri rispetto a quelli che riguardano i costruttori americani. Nei piani del tycoon c’è l’obiettivo di produrre sul suolo americano “milioni di auto in più”: nel Michigan, in Ohio e Pennsylvania e in Stati come Sud e Nord Carolina. E rivolgendosi a Sergio Marchionne, amministratore delegato di Fca, ha detto: “È il mio preferito: ha trasferito la produzione dal Messico nel Michigan”.

Marchionne ha infatti approfittato della mossa di Donald Trump di un taglio cospicuo delle aliquote alle imprese (dal 35% al 21%) per favorire investimenti e occupazione: iniezione di 1 miliardo di dollari allo scopo di rafforzare la produzione nel Michigan, 2.000 dollari di bonus ai 60.000 dipendenti americani e 2.500 nuovi posti di lavoro. E sempre grazie alla riforma fiscale varata dalla Casa Bianca, Fca conta di ricavare a breve quanto investito. “L’investimento annunciato – spiega Marchionne – per noi rappresenta un atto dovuto, un importante segnale di fiducia che nutriamo sulla macchina economica Usa”, aveva detto all’Auto Show di Detroit che potrebbe essere l’ultimo, visto che nel 2019 lascerà l’incarico di ad.

E’ Coldiretti, in Italia, a non usare toni morbidi. Gli autoveicoli con 4,5 miliardi nel 2017 sono la prima voce dell’export Made in Italy negli Stati Uniti davanti all’agroalimentare che supera di poco i 4 miliardi. E’ quanto emerge da una analisi della Confederazione sugli effetti per l’Italia della tariffa del 20% annunciata dal Wall Street Journal. “Un proposito che – sottolinea la Coldiretti – alimenta incertezza sulle esportazioni Made in Italy che in Usa hanno raggiunto nel 2017 il record storico di 40,5 miliardi grazie ad un aumento del 9,8% rispetto all’anno precedente, proprio mentre sta per scadere la proroga di solo un mese dell’esenzione dai dazi sull’alluminio per l’Unione europea”. La decisione – sottolinea la Coldiretti – farebbe immediatamente scattare le ritorsioni da parte dell’Unione Europea che ha già varato una black list di prodotti statunitensi da colpire quali manufatti in ferro, acciaio e ghisa, barche a vela e a motore e prodotti dell’agroalimentare, dal mais al riso, dal bourbon al succo di arancia fino al burro di arachidi e molto altro. Il risultato sarebbe l’estendersi della guerra commerciale a molti settori con scenari inediti e preoccupanti che rischia di determinare un pericoloso effetto valanga sull’economia e sulle relazioni tra Paesi alleati”.

“Gli Stati Uniti – sottolinea l’associazione – sono di gran lunga il principale mercato di riferimento per il Made in Italy fuori dall’Unione Europea con un impatto rilevante anche per l’agroalimentare considerato che le esportazioni di cibo e bevande sono aumentare del 6% nel 2017 per un totale di circa 4 miliardi di euro, il massimo di sempre. Gli Usa – conclude la Coldiretti – si collocano al terzo posto tra i principali italian food buyer dopo Germania e Francia, ma prima della Gran Bretagna con il vino che risulta essere il prodotto più gettonato dagli statunitensi, davanti a olio, formaggi e pasta”.