“A Scampia ci sono trentamila studenti, ma un ragazzo per comprarsi un libro doveva farsi otto chilometri perché nel quartiere non c’erano librerie”. Rosario Esposito La Rossa ha quasi trent’anni ed è l’editore della Marotta e Cafierro. Dallo scorso autunno è diventato il primo libraio di Scampia grazie all’apertura della “Scugnizzeria”: “Per oltre quarant’anni non abbiamo avuto una libreria nel quartiere – racconta La Rossa che nel 2004 ha perso il cugino Antonio Landieri, vittima innocente della camorra – ma oggi possiamo dire che dove c’era una stanza del buco oggi spacciamo libri”. I 140 metri quadri della libreria ospitano anche attività e laboratori dedicati proprio agli “scugnizzi” per evitare che finiscano nelle mani della camorra: “Nessuno credeva che in questo quartiere fosse possibile aprire una libreria, ma oggi abbiamo vinto questa scommessa”

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Trenord, schiaffi e spintoni a una capotreno sulla tratta Milano-Como. E a Greco Pirelli convoglio preso a sassate

next
Articolo Successivo

Roma, inaugurata la stazione-museo sulla Metro C. Raggi: “La città inizia a correre verso il futuro”

next