Masticano bulbi di papavero per non sentire la fatica, ma cominciano a farsi anche di eroina. Decine sono in cura nei locali servizi antidroga, tre sono morti per overdose nel 2017. È la faccia nascosta dello sfruttamento dei braccianti Sikh nei campi della piana di Latina, famosa per la produzione di kiwi. La rivela un’inchiesta di Fq MillenniuM, il mensile diretto da Peter Gomez, nel numero in edicola. “Masticano il bulbo del papaver somniferum essiccato – spiega Ezio Matacchioni, il neurologo che si occupa di loro al Sert, il servizio per le tossicodipendenze della Ausl di Latina – come i campesinos del Sudamerica fanno con le foglie di coca”. È la droga degli ultimi tra gli ultimi: “È l’avanzo, lo scarto della produzione dell’eroina, quello che rimane dopo che dal bulbo è stato estratto l’oppio. Ne mangiano in media 12-15 al giorno. Non cercano lo sballo, lo fanno per combattere la stanchezza del lavoro nei campi”.

Sono soprattutto maschi in età da lavoro, che possono passare più ore sotto il sole o la pioggia: “Hanno tra i 20 e i 30 anni, vivono tra Sabaudia e Bella Farnia dove ci sono gli insediamenti più grandi dell’area – prosegue il dottore – nella maggior parte dei casi raccontano di lavorare in serra, dove soprattutto d’estate il lavoro è più faticoso“. Ci sono i debiti da ripagare, i 6.500 euro di reddito da raggiungere per rinnovare il permesso di soggiorno, i soldi da mandare alle famiglie, nel Punjab. Chi non ce la fa e si dà all’eroina: dei 34 soggetti trattati dal Sert dal 2016, in 4 ne hanno fatto uso, fumandola.

“In provincia la criminalità organizzata di un certo livello ha il monopolio della cocaina e dell’hashish – spiega il tenente colonnello Paolo Befera, che guida il Reparto Operativo del comando provinciale dei Carabinieri di Latina – La maggior parte dei sequestri di oppiacei sono avvenuti nell’ambito della comunità Sikh e riguarda il papavero, che arriva da India e Pakistan. Siamo nell’ordine di 10-15 arresti l’anno negli ultimi 4 anni. Nel maggio 2017, ad esempio, a un solo cittadino indiano sono stati sequestrati 18 kg di bulbi”. Già suddivisi in 180 dosi. Tra i 25 e i 30 euro l’una, il prezzo per combattere la spossatezza.

Chi si dopa non ne parla, è una questione religiosa, per i sikh drogarsi è un peccato. La comunità non lo accetta: “All’inizio non volevo crederci. Sono stato in campagna per 15 anni e non ho mai preso nulla, ma non si può lavorare tutte quelle ore senza conseguenze. Puoi farlo per 8 o 10 ore, per qualche tempo puoi arrivare a 12, ma non 14 ore tutti i giorni. Non siamo macchine“, dice Gurmukh Singh, che i suoi li conosce uno per uno. È il capo della comunità, la seconda più grande d’Italia: 11mila persone ufficialmente registrate, che diventano 25 mila tra gli irregolari e quelli che hanno la residenza altrove.

Da fine ottobre, specie tra Latina e Aprilia, inizia la stagione dei kiwi. Li chiamano “l’oro verde dell’Agro Pontino” perché sono marchiati Igp, Indicazione geografica protetta, e vengono esportati in tutto il mondo. “In questo settore c’è un impiego sistematico di braccianti sfruttati”, spiega il sociologo Marco Omizzolo, responsabile scientifico della coop In Migrazione, più volte vittima di minacce e danneggiamenti per la sua attività di denuncia su questo fronte. Durante la raccolta arrivano anche gli stagionali, bisogna raccogliere nel minor tempo possibile perché devi arrivare sul mercato per primo per fare il prezzo: “Spesso le cooperative invece di dieci braccianti ne chiamano 30 per fare prima. Ma se li metti tutti in regola il costo del lavoro esplode, così ne regolarizzano dieci e gli altri 20 li tengono in nero”.

L’inchiesta completa sul numero di MillenniuM in edicola