Se i partiti non ce la faranno, alla fine deciderà Mattarella. E dopo tre giri di consultazioni e due mandati esplorativi, l’ipotesi di un governo scelto dal Presidente diventa sempre più probabile. Un governo ci vuole, che sia anche solo per traghettare il paese e accompagnarlo a nuove elezioni. Un esecutivo, in quel caso, impegnato soprattutto a mettere mano a una nuova legge elettorale, per cui un giurista sarebbe gradito. Con l’estate alle porte, però, il Colle guarda anche alle scadenze di bilancio da sbrigare entro fine anno. Di qui i tanti nomi di economisti. Rimane poi in campo l’ipotesi di un governo politico se si dovesse concretizzare all’ultimo un’alleanza tra Movimento 5 Stelle e Lega, l’unica rimasta in piedi dopo il muro eretto dal Partito democratico. E quella di un esecutivo “di tregua” se i partiti si dovessero dichiarare disponibili a trattare su un programma minimo.

Nomi e curriculum cambiano a seconda delle esigenze. Ecco la rosa dei papabili che circolano in queste ore al Quirinale, con il presidente della Repubblica che tra giuristi, economisti e scienziati è attento a evitare figure che potrebbero ricevere il veto di una della forze politiche.

Governo, tutti i nomi del presidente: tra le ipotesi di Mattarella economisti, giuristi e scienziati. E un Gentiloni bis

AVANTI
close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Fassino (PD): “Nostri voti per governo politico centrodestra non ci sono”. Cuperlo: “Voto si avvicina”

prev
Articolo Successivo

Pd, Richetti: “L’ultima direzione è stata surreale. Renzi? Il prossimo campionato non è il suo, deve allenarsi a lungo”

next