Ermanno Olmi è stato e resterà un maestro unico nella cinematografia mondiale.

Ha sempre portato al cinema la sua anima, la sua personalissima visione.

Per me L’albero degli zoccoli, a tredici anni, fu la scoperta di un altro cinema, che assomigliava alla vita sognata.

Questo paese perde un altro grande padre, assomiglia sempre più ad una zattera governata da una ciurma inesperta e senza bussola. Attraverso il lavoro di questo artista, possiamo riguardare chi eravamo e forse ritrovare la direzione.

Grazie, grazie Maestro Olmi. Rip

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Ermanno Olmi, morto il regista che raccontava il mondo contadino. Fu palma d’oro a Cannes

prev
Articolo Successivo

Ermanno Olmi, addio al grande regista: la sua carriera inesausta e sublime da L’Albero degli zoccoli a Il mestiere delle armi

next