Ermanno Olmi è stato e resterà un maestro unico nella cinematografia mondiale.

Ha sempre portato al cinema la sua anima, la sua personalissima visione.

Per me L’albero degli zoccoli, a tredici anni, fu la scoperta di un altro cinema, che assomigliava alla vita sognata.

Questo paese perde un altro grande padre, assomiglia sempre più ad una zattera governata da una ciurma inesperta e senza bussola. Attraverso il lavoro di questo artista, possiamo riguardare chi eravamo e forse ritrovare la direzione.

Grazie, grazie Maestro Olmi. Rip

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Ermanno Olmi, morto il regista che raccontava il mondo contadino. Fu palma d’oro a Cannes

next
Articolo Successivo

Ermanno Olmi, addio al grande regista: la sua carriera inesausta e sublime da L’Albero degli zoccoli a Il mestiere delle armi

next