Era l’ultimo giorno di gita scolastica. E, per festeggiare prima del rientro a Milano, un gruppo di ragazzi di un istituto di provincia ha deciso di fumare dell’erba. Ma una di loro, una studentessa di 17 anni, è precipitata dalla finestra dopo aver perso l’equilibrio. “Sta migliorando e non è in pericolo di vita”, ha fatto sapere il dirigente scolastico. “È caduta di schiena dopo un volo di cinque metri. Si è procurata una frattura, ma è stata operata e l’intervento è riuscito perfettamente”. Per l’accaduto sono state denunciate dai carabinieri due compagne della 17enne. Dovranno rispondere di cessione di sostanze stupefacenti e di lesioni in conseguenza di altro reato.

“Hanno fatto una stupidata. Qualcuno dei ragazzi ha comprato dell’erba per strada, durante la gita a Napoli, e l’ultima sera prima del ritorno a Milano se la sono fumata in compagnia”, ha dichiarato Maurizio Salvati, collaboratore del dirigente scolastico dell’istituto. “La 17enne si è sentita un po’ male e ha aperto la finestra per prendere aria, e in quel momento ha perso l’equilibrio ed è caduta giù. Per fortuna si trovava in una stanza al primo piano“. Sull’episodio è intervenuto anche il dirigente: “Voglio precisare che la ragazza è una studentessa modello, che sono tutti bravi ragazzi e che gli accompagnatori sono tre docenti esperti che avevano fatto un controllo nelle stanze proprio poco prima dell’accaduto. Da quel che ne so non è stata trovata droga nella stanza”.

La giovane è caduta dalla finestra nella tarda serata del 21 aprile. Ricoverata d’urgenza al Cardarelli di Napoli, dove ha ricevuto le prime cure per un politrauma, è stata poi trasferita all’ospedale Niguarda del capoluogo lombardo. Sull’accaduto indagano i carabinieri di Napoli, che hanno ascoltato anche le due ragazze che erano nella sua stessa stanza e hanno deciso di procedere con la denuncia.

Foto di archivio

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Rho-Monza: si risparmia sull’Osservatorio, si sprecano milioni per opere inutili

prev
Articolo Successivo

Alberto Stasi, insulti sul web all’omicida di Chiara Poggi. L’imputata: “Comunico con lei, mi dettava quelle frasi”

next