“Risultato della Direzione assolutamente positivo” questo il commento di Michele Emiliano all’uscita dalla Direzione del Pd. “Le minoranze sono arrivate a più del 45% e soprattutto hanno costretto Renzi a non presentare un suo ordine del giorno che avrebbe dovuto inchiodare Martina ad un mandato con uno specifico indirizzo politico – spiega il governatore della Regione Puglia -. Martina è stato confermato reggente ed è stata votata la sua relazione che nega assolutamente la possibilità di un governo col centrodestra e anche un governo istituzionale se non vi fossero tutti i partiti presenti, quindi è evidente che o si dialoga o si dialoga con il M5S o si va a votare. Se Renzi vuole andare a votare a questo punto deve dirlo con chiarezza”. Per Emiliano il dialogo con il M5S è l’unico dialogo possibile prima di andare alle elezioni.

Con “M5s partita chiusa”  è la versione renziana delle dichiarazioni di Martina, che invece ha chiaramente detto che di fronte all’opposizione di Renzi si è dovuto fermate, per ora. Martina – continua Emiliano – ha un mandato pieno per dialogare con M5S mentre non ha mandato per fare un governo col centrodestra o per fare un governo istituzionale senza il M5S. I renziani sono spalle al muro: devono decidere se mandare il Paese al voto o se consentire il dialogo con il M5S ed io non vorrei essere al loro posto”