“Come al solito il prezzo più alto lo pagheranno gli italiani”. Commenta così la prospettiva di tornare alle urne il direttore del Fatto Marco Travaglio, dopo il suo intervento sul palco del concertone di Taranto “Uno Maggio Libero e Pensante”. “C’è chi in questi due mesi ha fatto di tutto per cercare di fare un governo e chi per impedire di farlo. Come al solito hanno vinto i distruttori”, spiega. E chiarisce: “Ciò di cui cinque anni fa era accusato il M5s oggi è chiaramente una responsabilità che si è preso Renzi. E Di Maio, avendo più responsabilità vista la vittoria con quel 32%, è il leader che è rimasto più scottato. Mentre Salvini, come al solito, ha ciurlato nel manico”